Le parole e le cose

Letteratura e realtà

11 febbraio 2018
di Gianluigi Simonetti
3 commenti

«Il mio nemico è sempre il padrone». Torna La Fontaine

di Pierluigi Pellini Sorte infelice, in Italia, quella di Jean de La Fontaine: molte delle sue Favole godono, come in tutta la cultura occidentale, di memorabile esemplarità; eppure, a tutt’oggi, dell’intera opera, distribuita in dodici libri, esistono soltanto due traduzioni … Continua a leggere

4 febbraio 2018
di Le parole e le cose
1 commento

Lui redivivo, noi redimorti. Su Sono tornato di Luca Miniero

di Federico Gironi Si apre con Mussolini che, il 28 aprile del 2017, precipita nel cuore della Roma multietnica, a Piazza Vittorio, proprio di fianco alla Porta Magica. Con il Duce redivivo che si alza, si trova davanti bambini cinesi e … Continua a leggere

30 gennaio 2018
di Le parole e le cose
0 commenti

Western e letteratura. Lonesome Dove di Larry McMurtry

di Tommaso Pincio [Questo articolo è uscito su «Alias»] Il 1985 fu un anno miliare per l’America delle lettere. Fu difatti in quell’anno che Bret Easton Ellis debuttò con Meno di zero. E fu ancora in quell’anno che Don DeLillo … Continua a leggere

28 gennaio 2018
di Le parole e le cose
0 commenti

Soggetto, lavoro, precarietà. Ipotesi di una sconfitta di Giorgio Falco

di Daniele Giglioli [Questo intervento è uscito sul «Corriere della Sera»]. A due cose ha creduto il Novecento, il secolo che ci ha lasciato più orfani che eredi. All’importanza irriducibile della singolarità, non sostituibile, non rimandabile, non compensabile con promesse … Continua a leggere

25 gennaio 2018
di Le parole e le cose
0 commenti

Come gli accidiosi. Il giovane Beckett

di Ivan Tassi Nel marzo del 1985, quattro anni prima della morte, Samuel Beckett rilasciò l’autorizzazione a divulgare la sua corrispondenza, raccomandando a Martha Dow Fehsenfeld, curatrice della pubblicazione, di restringerla ai brani che avessero “attinenza” con il suo lavoro di … Continua a leggere

22 gennaio 2018
di Gianluigi Simonetti
18 commenti

Milo De Angelis, presente assoluto

di Gianluigi Simonetti [Questo articolo è uscito sulla Domenica del «Sole 24 ore»]. Per la poesia italiana il Novecento è davvero un secolo breve: finisce, di fatto, negli anni Settanta, quando il genere in molti sensi cambia pelle – per … Continua a leggere

21 gennaio 2018
di Le parole e le cose
2 commenti

Jurij Lotman e la cultura russa

di Raissa Raskina [Questo intervento è uscito su «Alias»] Dopo aver danzato con Vronskij un cotillon durante il quale nulla di memorabile è stato detto, Kitty aspettava la mazurca con la segreta certezza di ascoltare le parole che avrebbero legato … Continua a leggere

19 gennaio 2018
di Le parole e le cose
0 commenti

Davide Orecchio, ci vuole un secolo

di Andrea Cortellessa «Ci vuole un secolo o quasi […] / Ci vuole tutta la fatica tutto il male / Tutto il sangue marcio / Tutto il sangue limpido / Di un secolo per farne uno». Così riporta Sereni, in … Continua a leggere

14 gennaio 2018
di Le parole e le cose
3 commenti

In piedi e in vita. La linea verticale

di Federico Gironi [Ieri sera è andato in onda la prima di otto puntate di una nuova serie Rai scritta da Mattia Torre. S’intitola La linea verticale: come spiega il protagonista Valerio Mastandrea, «la linea verticale implica di stare in piedi e in vita: … Continua a leggere

11 gennaio 2018
di Le parole e le cose
1 commento

Passioni politiche. Rabbia e perdono secondo Martha Nussbaum

di Stefano Catucci Con Rabbia e perdono, libro uscito per la Oxford University Press nel 2016 e prontamente tradotto da Roberto Falcioni per Il Mulino (pp. 41, Euro 28,00), Martha Nussbaum aggiunge un nuovo capitolo all’indagine sui rapporti fra i … Continua a leggere