Le parole e le cose

Letteratura e realtà

26 giugno 2015
di Massimo Raffaeli
1 commento

Storia di un editor. Niccolò Gallo

di Massimo Raffaeli [Questo intervento è uscito su «Alias»]. E’ raro imbattersi in una figura centrale che sappia tuttavia mantenersi così defilata da sembrare inapparente. Questa fu, fino all’autospoliazione, la facies di Niccolò Gallo (Roma 1912-Santa Liberata di Grosseto 1971), … Continua a leggere

18 giugno 2015
di Massimo Raffaeli
1 commento

Il “celeste scolaro” di Saba

di Massimo Raffaeli [Questo articolo è uscito su «Alias»]. La musa di Umberto Saba fu tanto ambigua e ancipite da realizzare, specie se valutata in retrospettiva, una combinazione in cui il maschile e il femminile non tanto si confondevano quanto … Continua a leggere

11 giugno 2015
di Le parole e le cose
1 commento

Toscana, Italia. Marmo, chimica e altri disastri

di Antonio Tricomi È naturale che torni alla mente il libro-inchiesta I minatori della Maremma, steso da Luciano Bianciardi insieme con Carlo Cassola e pubblicato da Laterza nel 1956. Come forse si ricorderà, quel testo non si limitava a sondare … Continua a leggere

24 maggio 2015
di Daniela Brogi
1 commento

Festival di Cannes 2015. Se una magnifica ossessione tra due donne diventa un’esperienza universale: Carol (Todd Haynes, 2015)

di Daniela Brogi La prima immagine su cui si apre Carol mostra subito quanto la messa in spazio sia la procedura formale privilegiata dal film, attraverso la composizione delle scene e per via della fotografia. L’inizio di Carol ci mostra … Continua a leggere

22 maggio 2015
di Pietro Bianchi
1 commento

Festival di Cannes 2015. La Cina del capitalismo reale: Mountains May Depart di Jia Zhang-Ke

di Pietro Bianchi In uno degli scritti di Mao Zedong, il leader comunista cinese menziona una celebre favola cinese, quella de “il vecchio Yukong che spostava le montagne”. In questa storiella ci viene raccontato come un vecchio saggio si trovò … Continua a leggere

17 maggio 2015
di Daniela Brogi
6 commenti

Festival di Cannes 2015. Il castello delle illusioni incrociate. Il racconto dei racconti – Tale of Tales (Matteo Garrone, 2015)

di Daniela Brogi Verrebbe da dire che solo nell’età barocca sarebbe potuta avvenire la codificazione del «racconto fiabesco»; in un’età cioè di confluenza di varie esperienze artistiche, e in cui il rapporto immaginazione (o illusione) – realtà fu a tal … Continua a leggere

14 maggio 2015
di Le parole e le cose
0 commenti

De Sade contro #desade

di David Matteini Sono da poco giunte al termine due mostre dedicate alla figura del marchese de Sade: Sade. Attaquer le soleil presso la mecca dell’arte moderna, il Musée d’Orsay di Parigi, e Sade. Un athée en amour, nella meno conosciuta, ma … Continua a leggere

3 maggio 2015
di Le parole e le cose
1 commento

I Hate Myself and I Want to Die. Montage of Heck (2015): un documentario su Kurt Cobain

di Emanuele Canzaniello Lui fa parte di quella categoria dell’odio-di-sé che assoggetta e plasma alcuni artisti ben riconoscibili, pronti per essere amati e cari a noi dalla prima modernità. Cobain è residuo di questa categoria. L’ultimo documentario sulla sua vasta … Continua a leggere

19 aprile 2015
di Daniela Brogi
1 commento

Prepararsi alla fine del mondo. The Fighters – Addestramento di vita (Les Combattants, Thomas Cailley, 2014)

di Daniela Brogi A circa mezz’ora dall’inizio di The Fighters, assistiamo a una delle scene più intense del film – una delle migliori, anche in senso tecnico, perché l’effetto finale della sua semplicità è il risultato di una rigorosa costruzione per … Continua a leggere