Una playlist di Andrea Raos

Goldie, Mother (Saturnzreturn, 1998)

 


Helmut Lachenmann, Guero (1969, per pianoforte)

 

Lester Young, Stardust (Lester Young with the Oscar Peterson Trio, 1952)

 

Fausto Romitelli, Seascape (1994, da Professor Bad Trip, 2003), per flauto Paetzold contrabbasso amplificato

 

Macy Gray, I Try (On How Life Is, 1999)

7 thoughts on “Aspire

  1. Molto bello il pezzo di Romitelli, ma bella l’intera scelta, che secondo me avrebbe potuto ospitare con onore anche Ray Barretto.

  2. Dovresti fare un playlist anche tu. In questa Italia ancora e sempre prigioniera di categorie critiche asfittiche come classica, rock, jazz patinato, operare finalmente un cambio di paradigma grazie ai Borbetomagus.

  3. Onesta sì, direi cristallina nella chiarezza degli intenti. Strano che non ti abbia dato l’amicizia. Facebook per queste cose fa soffrire.

  4. La video installazione di Steve McQueen su Tricky l’hai vista? A me è sembrato che picchiasse nei punti giusti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *