Le parole e le cose

Letteratura e realtà

Quattro oggetti

| 1 commento

cropped-Thomas-Demand1.jpgdi Marco Giovenale

[I testi che seguono sono usciti su differx.it e fanno parte di Oggettistica]

le fazioni in breve o meno

Vedo che esiste, quello che esiste lo vedo. Le cose che ci sono, l’ombrello, il ritratto di Puccini, un goniometro, li vedo. Vedo dei baffi, l’Abruzzo, il Monte Rosa, feluche.

Cose che esistono e che vedo. Se le vedo, sono cose che esistono.

Non vedo il microbo, non so se esiste, ne vedo gli effetti, gli effetti esistono.

Quello che esiste è pericoloso, si fa disamare, si fa vedere. Anche il disamore passa dagli occhi.

***

99 terribili casi di bruxismo

Nel 1950 la società fu messa in liquidazione. Nel 1957 resistevano i libri contabili. Era tempo di cambiare.

Nonostante la sua avversione al giardinaggio, non è infastidito dalla tagliaerba. Dal rumore del filo che gira e pareggia il prato. Cerca anzi quel rumore. Ne ha memorie infantili, probabilmente. Non lo possiamo sapere. Sappiamo che lo registra e se lo ascolta in cuffia, in tratti diversi del giorno e della notte.

Era molto severo con i propri fratelli. Li rimproverava di non aver lavorato quanto lui. Loro avevano avuto una vita diversa, sorte diversa. Era non solo inutilmente severo, ma perfino aggressivo. Questo generava un diffuso dispiacere e talvolta un diffuso malumore. Il dispiacere si diffondeva, talvolta il malumore.

Il bruxismo consiste nel digrignare i denti durante il sonno. Inconsciamente. Così logorando sia lo smalto dei denti che i muscoli e i tendini della mandibola.

***

film del rinnovamento

nonostante la scienza, nel film entrano elementi soprannaturali, moderatamente.

per salvare il giovane eroe il vecchio eroe si sacrifica dentro un muro.

ci viene detto che un’indovina, giocatrice in borsa e pasticcera, lo aveva predetto.

leggono i fegati di vari animali e vi trovano conferma.

dunque è inevitabile e tutti concordano.

le navi nemiche assediano intanto la libera federazione, che è un’isola di ovviamente piccole dimensioni, nel pacifico.

una società utopica di cui si possono vedere delle scene, scattate in primavera.

le navi sono barche molto malandate, perché in quest’anno 2121 tutti sono molto malandati e medievali, nonostante i cavi.

mancano gli approvvigionamenti.

il giovane eroe ricostruisce frammento per frammento la propria storia, parte in rete, parte intervistando molti anziani pasticceri sull’isola.

metà del film ripercorre le vicende passate, con una complicata storia di carpentieri, pasticceri e farmacisti in lotta fra loro.

nonostante le rivalità che dividono con sanguinose lotte le famiglie, dal passato emergono intrecci e storie d’amore.

sembra la firenze del trecento.

tornando al presente, eventi sconcertanti sconvolgono i territori di quelli che un secolo prima erano gli stati uniti d’america.

soprattutto sui tetti.

salgono sui tetti di edifici altissimi, dove si svolgono eventi sconcertanti.

il vecchio eroe, morto, appare in sogno al giovane eroe e questi si sveglia con un senso di forte pacificazione e speranza nel futuro.

non è possibile ricostruire il contenuto del sogno.

le spingarde delle navi bombardano la costa, dalle scialuppe le teste di cuoio sbarcano armate di katane, e avanzano verso i tepee ribelli.

il cielo si annuvola per un incipiente ciclone.

il giovane eroe, vincendo la propria naturale indolenza, si mette a capo di una schiera di farmacisti ribelli e con loro si attesta in una torre diroccata.

le teste di cuoio ninja gattonano sulla scogliera e iniziano a sciamare a migliaia verso l’interno, abbattendo i bambù con severi fendenti.

il giovane eroe, da solo, rifiutando ogni aiuto, aggira abilmente i ninja

incendi di immane portata si scorgono in lontananza: l’asia e le americhe bruciano.

il ciclone addensa la sue nuvole, gli incendi sollevano milioni di metri cubi di ceneri, l’atmosfera è oscura e carica di funesti presagi.

il giovane eroe trae da ciò presagi funesti, ma non si perde d’animo.

inizia a piovere e il meteo annuncia la catastrofe imminente, indicando anche giorno e ora del cataclisma.

un o una meteorite compare nel cielo, si abbatterà sul pianeta se le autorità non ne devieranno il corso con missili a testata nucleare.

in tutti e cinque i continenti, europa inclusa, continuano a susseguirsi eventi sconcertanti e irrefrenabili, che decimano le popolazioni.

serpeggia qua e là una viva preoccupazione.

i governi riparano in bunker fra i ghiacci: errore madornale, perché i ghiacci si stanno sciogliendo.

intanto nella nostra isola i ninja sono quasi arrivati al cerchio di capanne, sotto un cielo plumbeo.

dalle radio delle navi viene lanciato alle teste di cuoio l’ordine di ripiegare, mentre il giovane eroe fa strage di ninja usando farmaci di sua invenzione.

una tempesta elettrica fa saltare le comunicazioni, l’identità delle persone è legata alla rete, tutti si smarriscono, si aggirano confusi, si palpano le tasche interne in cerca dei documenti.

perduta ogni cognizione della propria identità, i ninja vagano nelle selve dell’entroterra in preda a: (1) sonnambulismo; (2) in preda a.

sono davvero confusissimi.

i ribelli scaltramente fabbricano molte gabbie di bambù, in cui attirano i ninja col vecchio stratagemma della noce di groviera.

il giovane eroe raggiunge la nave ammiraglia a nuoto, poi torna in spiaggia, e lo si vede cupo mentre al largo brillano le mine.

il ciclone aggira l’isola e si scinde in due tempeste separate, che vanno a estinguere gli incendi d’asia e americhe, si prepara uno scioglimento.

dagli altri due continenti nessun segnale: in poche settimane tutto è ridotto al silenzio.

nell’isola si odono grida di uccelli molto selvaggi.

la vicenda esalta la vita nei boschi e sulle coste, ma anche nell’entroterra, e la rinuncia alle tentazioni dell’elettricità.

le navi marciscono al largo, i ribelli festeggiano la rinnovata libertà con riti cannibalici, il o la meteorite piomba sull’isola cancellando la vita sulla terra.

***

considera l’idea di fornire ai tuoi maiali una pozza di fango

prima costruisci un recinto di legno solido attorno,
perciò dovrai progettare anche l’inserimento di qualcosa in un lato della porcilaia,
mentre il gruppo di minoranza sterza sottolineando le contraddizioni,
considera l’idea di fornire ai tuoi maiali una pozza di fango,
poi considera l’idea di fornire ai tuoi maiali una pozza di fango,
si attaccano alla rete, fai tu stesso o fai fare a loro stessi la proposta di modifica,
lealtà rispetto al patto, avanzi di carne, frutta,
in posizione lontana dal riparo e dalla mangiatoia,
dopo l’incontro di mercoledì serve un luogo asciutto e sicuro dove vivere,
rimangono da affrontare gli articoli, fornisci acqua a volontà, attenzione,
se lasci il tubo allungato a terra probabilmente ci saliranno sopra,
di sicuro c’è che in commissione si riparte presto,
i maiali sono ottime forchette, non ha senso sedersi intorno a un tavolo,
il confronto si preannuncia lungo e articolato,
i maiali sono animali di grande valore,
se hai un granaio con dei recinti vuoti all’interno puoi usarlo,
se possibile parti con il tuo progetto a inizio primavera,
raccogli le sottoscrizioni necessarie,
esprimi con chiarezza i punti sui quali intendi chiedere il confronto,
puoi anche vendere ad altri contadini e giardinieri che potrebbero averne bisogno,
pensa a cosa farai del letame,
tutta la segreteria e i membri, in base alla salute e alla misura,
niente patate e carne cruda, così facendo puoi evitare che contraggano batteri nocivi,
infine considera l’idea di fornire ai tuoi maiali una pozza di fango,

Thomas-Demand1

[Thomas Demand, Senza titolo (gm)]

Un commento

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.