cropped-pasolini.jpga cura di Francesca Santucci

[L’ultimo numero della rivista «Orlando esplorazioni» è dedicato a Pasolini. Si intitola Poesia in forma di cosa ed è curato da Paolo di Paolo e da Francesca Santucci. Verrà presentato lunedì 2 novembre alle 17,30 alla Casa delle Letterature a Roma, in occasione di Leggere Pasolini. Scrittori, artisti e lettori leggono Pasolini. Del numero di «Orlando esplorazioni» fanno parte le poesie che pubblichiamo: Francesca Santucci ha chiesto a sette poeti dialettali di tradurre nel proprio dialetto alcune poesie di Pasolini]

 Dina Basso traduce alcuni versi di «Ché qualcos’altro, ancora, brucia il cuore», vv. 1-6 (P. P. Pasolini, La religione del mio tempo, Milano, Garzanti,1961) nel dialetto di Scordia (CT)

«Ca cocca cos’autru, ancora, abbrucia o cori»

Ca cocca cos’autru, ancora, abbrucia o cori:
focu, macari chissu, di cui ju, vili,
nun vulissa parrari: comu d’on duluri
troppu ‘nteriori e miseru, ppi diri
l’interiori e misera rannizza
ca havi ogni nostru duluri.

«Ché qualcos’altro, ancora, brucia il cuore»
Ché qualcos’altro, ancora, brucia il cuore:/ fuoco, anche questo, di cui io, vile,/ non vorrei parlare:/ come di un dolore/ troppo interiore e misero, per dire/ l’interiore e misera grandezza/ che pure ha in sé ogni nostro dolore.

*

Fabio Franzin traduce Canto civile (P. P. Pasolini, Trasumanar e organizzar, Milano, Garzanti,1971) nel dialetto Veneto-Trevigiano dell’Opitergino-Mottense

Canzón civìe

‘E só galte ‘e iera fresche e tendre,
forse basàdhe pa’a prima volta.
Ociàdhi da drio, co’ i se voltéa
pa’ tornàr daa compagnia, i paréa squasi òmeni,
coi paltò sora ‘e braghe lidhière. ‘A só miseria
sa e no’ sa che l’é el crudo de l’inverno. ‘E ganbe storte a forcassèa
e i cóeti frugàdhi, come i só fradhèi pì grandi,
za paesani segnàdhi a deo. Lori, ‘ncora pa’ calche àno,
no’ si ‘i cronpa: e no’ l’é altro che fae rabia
come un ancora net. Par quant che i sie
cussì stranbi, lori i ‘é vèrti aa vita;
e ‘a vita li ciama. E no’ i ‘é niancora pronti!
I dà indrìo i basi, gustandose ‘sto dolzh.
Po’ i va via, ciavàndosene come co’ i ‘é ‘rivàdhi.
Ma visto che ancora i ghe crede aa vita che li vol,
i fa grande promesse, i sogna un domàn pièn
de basi e amicizia. Chi ‘o che podaràe ribeàrse –
se mai servisse – sinò? Diségheo: i ‘é pronti,
tuti conpagni, cussì come che i se basa e i se ‘brazha
e co’ l’istesso parfùn tee galte.
Ma no’ sarà ‘a só fede tel mondo a vinzhér.
‘A deve èsser desmentegàdha là te un cantón del mondo.

Canto civile
Le loro guance erano fresche e tenere/ e forse erano baciate per la prima volta./ Visti di spalle, quando le voltavano/ per tornare nel tenero gruppo, erano più adulti,/ coi cappotti sopra i calzoni leggeri. La loro povertà/ dimentica che è il freddo inverno. Le gambe un po’ arcuate/ e i colletti consunti, come i fratelli maggiori,/ già screditati cittadini. Essi sono ancora per qualche anno/ senza prezzo: e non ci può essere niente che umilia/ in chi non si può giudicare. Per quanto lo facciano/ con tanta, incredibile naturalezza, essi si offrono alla vita;/e la vita a sua volta li richiede. Ne sono così pronti!/ Restituiscono i baci, saggiando la novità./Poi se ne vanno imperturbati come sono venuti./ Ma poiché sono ancora pieni di fiducia in quella vita che li ama,/ fanno sincere promesse, progettano un promettente futuro/ di abbracci e anche di baci. Chi farebbe la rivoluzione -/ se mai la si dovesse fare – se non loro? Diteglielo: sono pronti,/ tutti allo stesso modo, così come abbracciano e baciano/ e con lo stesso odore nelle guance./ Ma non sarà la loro fiducia nel mondo a trionfare./ Essa deve essere trascurata dal mondo.

*

Andrea Longega traduce Laris (P. P. Pasolini, Poesie dimenticate, in Id. Bestemmia, Milano, Garzanti,1993) nel dialetto veneziano

Ladri

Rivà da to mama
ti sentirà ʼncora
i mii basi su i labri
che te go dà come un ladro?

Ah, ladri tuti do!
No gèra scuro sul prà?
No rubàvimo a le piòpe
lʼombra nel to saco?

I cunìci xe restài
sensa erba stasera,
e i to labri robài
basa la prima stéla…

Laris
Rivat dongia to mari/ sintiratu enciamò/ i me bussons tal lavri/ ch’ì ti ài dat coma un lari?// Ah, laris/ duciu doi!/ No èria scur tal prat ?/ Na robàvinu ai poj/ la ombrena tal to sac?// I cunìns son restàs/ sensa erba stasera,/ e i to lavris robàs/ bùssin la prima stela…

Ladri
Arrivato da tua madre/ sentirai ancora/ sulle labbra i baci/ che ti ho dato come un ladro?// Ah, ladri/ tutti e due!/ Non era buio nel prato?/ Non rubavamo ai pioppi/ l’ombra nel tuo sacco?// I conigli sono restati/ senza erba stasera,/ e i tuoi labbri rubati/ baciano la prima stella…

*

Vincenzo Mastropirro traduce Alla bandiera rossa (P. P. Pasolini, La religione del mio tempo, Milano, Garzanti,1961) nel dialetto di Ruvo di Puglia (BA)

Alla bandìra rùosse

Pe’ ci caùosce assaliute u chelàure tiue, bandìra rùosse,
tiue ada ésìste réalmìénde, pecchè idde pote ésìste:
ci ère cuvirte da cruoste è arrevegghiòte da chioghe,
u bracciante devìénde méndecànde,
u napuletone calabrèse, u calabrèse afrecone,
u analfabète na bufele o nu cone.
Ci canesciàje appène appène u chelaure tiue, bandìra rùosse,
stè pe’ nan recanuoscete cchjue, manghe cu le sinze:
tiue ca già si stote gloriose cu le bénéstànde e l’opéràje
devinde arrète pìézze, e fatte libérò au vinde da u cchjù poveridde.

Alla bandiera rossa
Per chi conosce solo il tuo colore, bandiera rossa,/ tu devi realmente esistere, perché lui esista:/ chi era coperto di croste è coperto di piaghe,/ il bracciante diventa mendicante,/ il napoletano calabrese, il calabrese africano,/ l’analfabeta una bufala o un cane./ Chi conosceva appena il tuo colore, bandiera rossa,/ sta per non conoscerti più, neanche coi sensi:/ tu che già vanti tante glorie borghesi e operaie,/ ridiventa straccio, e il più povero ti sventoli.

*

Enrico Meloni traduce Versi del testamento (P. P. Pasolini, Trasumanar e organizzar, Milano, Garzanti,1971) nel dialetto romanesco

Verzi der lascito

A solitudo: tòcca esse gajjardi e fforti
pe amà sta solitudo; tòcca avecce gamme d’acciaro
e na resistenza che nun te la ’nsogni; nun hai da rischià
rifreddore, ’nfruenza o mar de gola; nun ce devi avé strizza
de ladracci o ttajagole; si hai da camminà
pe ttutto er pommeriggio o mmagara la serata
tocca sapello fà senza accorgese; da sedesse nun ce sta
specie d’inverno; cor vento che sputa sull’erba de guazza,
co li pietroni tra le monnezze fraciche de fanga;
nun c’è propio gnisun conforto, su questo ’n ce piove,
ortre a quello d’avecce davanti tutto longo ggiorno e notte
senz’obbrighi o llimiti de quarzivoja natura.
Er sesso è ’n aggrappo. Pe cquanti ne pòi ’ncontrà
– e ppuro d’inverno, pe le strade in preda ar vento
fra ddistese de monnezze contro palazzi de sfonno,
sò na caterva – nun sò che momenti de solitudo;
ppiù ccallo e vivvo è cquer corpo ggentile
che ugne de seme e smamma,
ppiù rriggido de morte se fa attorno er diletto deserto;
è questo che tt’abbotta de ggioja, Ponentino de miracoli,
nun è ttorbida propotenza o soriso ’nnocente
de chi ppoi se ne va e sse porta via un montarozzo
immenzo de giovinezza; in questo è na carogna,
perché nun lassa tracce, o mejo, una sortanto
sempre uguale pe ttutte le staggioni.
Un pischello all’arba de’ primi amori
antro nun è che er seme der monno.
Er monno che ccosì ariva co llui; fa capoccella,
come na forma che mmuta. Resteno vergine tutte le cose,
e tu ppòi camminà mezza metropoli che ppiù nu lo ritrovi;
l’atto è compiuto, aripetelo è na cerimonia. Quinni
a solitudo se fa ancora più granne se na folla intera
attenne er turno suo: cresce defatti er nummero de scomparze –
l’annassene è scappà – e quello doppo incombe sur mo
come na croce, sagrifizzio da tribbutà a la voja d’annassene.
’Nvecchianno però la stracchezza principia a fasse forte,
specie quanno l’ora de cenà se n’è ita appena,
e ppe tte gnente è mmutato; allora pe un soffio nun urli o ppiagni;
e questo fusse enorme si nun sarebbe ggiusto ’n po’ de stracchezza,
e ppoesse de fame. Enorme, perché vorebbe dì
ch’er desiderio tuo de solitudo, nun poterai ppiù appagallo,
e allora che tt’aspetta, si cquer che ttu nun chiami solitudo
è invece quella vera, quella che ttu non pòi accettà?
Nun c’è ccena o ppranzo o soddisfazzione der monno,
che tte vale na camminata senza fine pe le vie ciorcinate
dove hai da esse disgrazziato e fforte, fratello de li cani.

Versi del testamento
La solitudine: bisogna essere molto forti/ per amare la solitudine; bisogna avere buone gambe/ e una resistenza fuori del comune; non si deve rischiare/ raffreddore, influenza o mal di gola; non si devono temere/ rapinatori o assassini; se tocca camminare/ per tutto il pomeriggio o magari per tutta la sera/ bisogna saperlo fare senza accorgersene; da sedersi non c’è;/ specie d’inverno; col vento che tira sull’erba bagnata,/ e coi pietroni tra l’immondizia umidi e fangosi;/ non c’è proprio nessun conforto, su ciò non c’è dubbio,/ oltre a quello di avere davanti tutto un giorno e una notte/ senza doveri o limiti di qualsiasi genere./ Il sesso è un pretesto. Per quanti siano gli incontri/ – e anche d’inverno, per le strade abbandonate al vento,/ tra le distese d’immondizia contro i palazzi lontani,/ essi sono molti – non sono che momenti della solitudine;/ più caldo e vivo è il corpo gentile/ che unge di seme e se ne va,/ più freddo e mortale è intorno il diletto deserto;/ è esso che riempie di gioia, come un vento miracoloso,/ non il sorriso innocente o la torbida prepotenza/ di chi poi se ne va; egli si porta dietro una giovinezza/ enormemente giovane; e in questo è disumano,/ perché non lascia tracce, o meglio, lascia una sola traccia/ che è sempre la stessa in tutte le stagioni./ Un ragazzo ai suoi primi amori/ altro non è che la fecondità del mondo./ È il mondo che così arriva con lui; appare e scompare,/ come una forma che muta. Restano intatte tutte le cose,/ e tu potrai percorrere mezza città, non lo ritroverai più;/ l’atto è compiuto, la sua ripetizione è un rito. Dunque/ la solitudine è ancora più grande se una folla intera/ attende il suo turno: cresce infatti il numero delle sparizioni –/ l’andarsene è fuggire – e il seguente incombe sul presente/ come un dovere, un sacrificio da compiere alla voglia di morte./ Invecchiando, però, la stanchezza comincia a farsi sentire,/ specie nel momento in cui è appena passata l’ora di cena,/ e per te non è mutato niente; allora per un soffio non urli o piangi;/ e ciò sarebbe enorme se non fosse appunto solo stanchezza,/ e forse un po’ di fame. Enorme, perché vorrebbe dire/ che il tuo desiderio di solitudine non potrebbe esser più soddisfatto,/ e allora cosa ti aspetta, se ciò che non è considerato solitudine/ è la solitudine vera, quella che non puoi accettare?/ Non c’è cena o pranzo o soddisfazione del mondo,/ che valga una camminata senza fine per le strade povere,/ dove bisogna essere disgraziati e forti, fratelli dei cani.

*

Emilio Rentocchini traduce alcuni versi de Il pianto della scavatrice, II, vv. 1-12 (P. P. Pasolini, Le ceneri di Gramsci, Milano, Garzanti, 1957) nel dialetto di Sassuolo (MO)

Puvrètt damànd i gat dal Coloseo,
a stèva in na burghèda tra calsèina
e spulvràs, luntàn da la sitê,

da la campagna, strichê ogni dè
su n’autobus sfiatê:
e sia ch’andèva o ch’a turnèva

l’era un calvari pin d’sudòur e d’ànsi.
A caminèva ed lèngh in na caléşna tèvda,
e chi şodsira lèngh davanti al chèrt

mucèdi su la tèvla, tra strèd ed smèlta,
murètt, caşlèini pucèdi in la calsèina
e sèinsa inféss, na tènda al pòst di óss…

Povero come un gatto del Colosseo,/ vivevo in una borgata tutta calce/ e polverone, lontano dalla città// e dalla campagna, stretto ogni giorno/ in un autobus rantolante:/ e ogni andata, ogni ritorno// era un calvario di sudore e di ansie./ Lunghe camminate in una calda caligine,/ lunghi crepuscoli davanti alle carte// ammucchiate sul tavolo, tra strade di fango,/ muriccioli, casette bagnate di calce/ e senza infissi, con tende per porte…

*

Annalisa Teodorani traduce «Senza di te tornavo, come ebbro» (P. P. Pasolini, Raccolte minori e inedite, in Id. Tutte le poesie, Milano, Mondadori, 2003) nel dialetto di Santarcangelo di Romagna (RN)

Senza ad te a turnèva cumè imbariégh

Senza ad te a turnèva cumè imbariégh
no piò bon da stè da par me, la saira
quant al nóvvli strachi
a l s nu n va te schéur.

Tènt vólti a so stè acsè da par me
da pu quant ch’na so nèd e tenti sàiri
a l m’à fat zigh l’érba, al muntàgni
la campàgna, al nóvvli.

Da par me te dè, e pu te silénzi dla sàira.
E adès, imbariégh, a tòurni senza ad te
e aquè d’un chènt u i è snò l’òmbra.

E ta m staré dalòngh tènt volti,
e pu par sèmpra.
Me a n sò tnoi bèda ste magòun
ch’u m mòunta dròinta
a so da par me.

«Senza di te tornavo, come ebbro»
Senza di te tornavo, come ebbro/ non più capace d’esser solo, a sera/ quando le stanche nuvole dileguano/ nel buio incerto.// Mille volte son stato così solo/ dacché son vivo, e mille uguali sere/ m’hanno oscurato agli occhi l’erba, i monti/ le campagne, le nuvole.// Solo nel giorno, e poi dentro il silenzio/ della fatale sera. Ed ora, ebbro,/ torno senza di te, e al mio fianco/ c’è solo l’ombra.// E mi sarai lontano mille volte,/ e poi, per sempre. Io non so frenare/ quest’angoscia che monta dentro al seno;/ essere solo.

6 thoughts on “Sette poeti traducono Pasolini

  1. Da linguista, da dialettologa, da persona sensata, parlante nativa del veneto (centrale), mi chiedo che senso abbia. Davvero, l’uso del dialetto, al tempo di Pasolini, nei modi di Pasolini, oggi, nel nuovo rapporto tra lingua, dialetto e usi ‘letterari’, questa è una cosa senza ragione e un puro esercizio il cui valore è davvero difficile da capire.
    Marta Maddalon (docente di Glottologia e linguistica generale- Etnolinguistica , UNICAL)

  2. Scusi, Maddalon,

    ma visti tutti questi titoli etnolinguistici che esibisce, sarebbe così gentile da tradurre in italiano il suo commento: “Davvero, l’uso del dialetto, al tempo di Pasolini, nei modi di Pasolini, oggi, nel nuovo rapporto tra lingua, dialetto e usi ‘letterari’, questa è una cosa senza ragione e un puro esercizio il cui valore è davvero difficile da capire”. Ma in che lingua scrive??

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *