Le parole e le cose

Letteratura e realtà

Due poesie

| 3 commenti

cropped-Seamus-Heaney-9.jpgdi Seamus Heaney (trad. di Marco Sonzogni)

[Le traduzioni italiane che seguono sono inedite. I testi di Heaney sono tratti da Wintering Out (1972)].

Focolare

C’erano sempre storie di luci
che aleggiavano tra gli arbusti o ai piedi
d’un prato; forse una capra, fredde le corna
e come piume nella luce lunare; un tintinnio di catene

lungo la strada di mezzanotte. E poi forse
giungeva voce di quell’arte
acquosa, la pesca con la lanterna, e accendevo
la luna della mia torcia sulla liscia pelliccia nera

del torrente, il braccio sinistro aperto a ricevere
un pesante rovescio e riflusso della corrente
che occludeva la rete. Era quello il raggio
che si deformava su un gorgo oppure un bagliore

del fantastico? Tieni ferma la luce
e ritorna in te, stanno dando la buona notte.

 

Fireside

Always there would be stories of lights
hovering among bushes or at the foot
of a meadow; maybe a goat with cold horns
pluming into the moon; a tingle of chains

on the midnight road. And then maybe
word would come round of that watery
art, the lamping of fishes, and I’d be
mooning my flashlamp on the licked black pelt

of the stream, my left arm splayed to take
a heavy pour and run of the current
occluding the net. Was that the beam
buckling over an eddy or a gleam

of the fabulous? Steady the light
and come to your senses, they’re saying good-night.

*

Buona notte

Un chiavistello sollevato, un profilato antro di luce
s’apre in fondo al cortile. Dalla porta bassa
entrano curvi nel corridoio mielato,
poi penetrano dritti nel muro del buio.

Una pozzanghera, ciottoli, stipiti e soglia
sono saldamente incastonati in un blocco luminoso.
Finché lei non rientra con passo fermo oltre le sue ombre
e cancella tutto dietro di sé.

Good-night

A latch lifting, an edged den of light
Opens across the yard. Out of the low door
They stoop into the honeyed corridor,
Then walk straight through the wall of the dark.

A puddle, cobble-stones, jambs and doorstep
Are set steady in a block of brightness.
Till she strides in again beyond her shadows
And cancels everything behind her.

[Immagine: Seamus Heaney]

3 commenti

  1. È un bel risveglio che rimanda ai fantasmi e visioni della notte appena lasciati. È un tema che mi affascina da sempre, il rapporto tra il nostro essere diurno e quello notturno, che nel linguaggio poetico credo trovi la sua espressione più appropriata.

  2. Assolutamente d’accordo con Geremia, e come al solito ringrazio la Redazione perché, colpevolmente, praticamente Heaney mi era sconosciuto.
    Che libro mi consigliate, per scoprirlo?

  3. Pingback: Due poesie | SPLEEN ? MILZA... | Scoop.it

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.