cropped-5b049d4a1f030d8340be1d7131c40878.jpgdi Gianfranco Pellegrino

[Da qui a settembre LPLC sospende la sua programmazione ordinaria. Ripubblicheremo alcuni interventi usciti qualche tempo fa. Quello che segue, pubblicato il 31 gennaio 2016, è precedentemente uscito sulla rivista «il Mulino»].

Si dà per scontato (si veda ad esempio qui) che nella discussione sulla liceità della gravidanza per altri, meglio conosciuta come utero in affitto, e sulle unioni civili ci siano interessi in conflitto. Secondo alcuni, l’interesse delle coppie gay e lesbiche ad avere figli biologici si contrapporrebbe all’interesse delle donne a non essere preda di sfruttamento o di mercificazione del proprio corpo. Secondo altri, anche l’interesse dei figli nati da gravidanze per altri, ed eventualmente ceduti, sarebbe in conflitto con l’interesse delle coppie che sollecitano queste gravidanze: in questo caso, la gravidanza per altri lederebbe l’interesse delle madri e dei loro nascituri. E, volendo continuare, pure gli interessi dei bambini già nati e in cerca di genitori adottivi si potrebbero vedere come in conflitto con quelli di chi evita l’adozione, preferendo a un figlio totalmente adottivo il figlio biologico di almeno uno dei due membri della coppia. (Quest’ultima cosa non viene detta spesso, almeno in Italia, dal momento che sarebbe un’argomentazione a favore della completa liberalizzazione dell’adozione per le coppie gay e lesbiche.) Vorrei concentrarmi qui sulla prima idea, cioè sulla tesi secondo cui la gravidanza per altri lederebbe gli interessi delle donne, e quindi – assumendo che la legge sulle unioni civili in discussione in questi giorni incentivi o faciliti in qualche modo il ricorso alla gravidanza per altri (un assunto non dimostrato, però) – questa legge in qualche modo tutela gli interessi di una minoranza ledendo gli interessi di una maggioranza, le donne.

Ciò che trovo sospetto è la tesi implicita di chi la pensa così, la tesi secondo cui la gravidanza per altri lederebbe esclusivamente gli interessi delle donne. Trovo sospetta questa tesi perché mi sembra che di tutte le argomentazioni usate contro la gravidanza per altri nessuna o quasi riguardi esclusivamente le donne, e le poche che riguardano solo le donne non sono buone argomentazioni, come vedremo.

L’argomentazione più diffusa contro la gravidanza per altri è che essa implica un rapporto di sfruttamento di donne povere, e che in nessun caso chi sceglie di vendere una gestazione si possa dire libera di farlo: si tratta di donne costrette dalle circostanze a vendere una parte preziosa di sé, della propria vita e del proprio corpo. Queste donne limitano la propria libertà (per esempio sottoponendosi a cure mediche o a particolari regimi sanitari) e subiscono una trasformazione del proprio corpo, che non è scelta, ma è imposta dal bisogno.

Ovviamente, però, sono molte le persone che, per bisogno, limitano la propria libertà e vendono parti preziose di sé, della propria vita e del proprio corpo. Nei paesi dove la gravidanza per altri è più diffusa, come per esempio l’India, ci sono masse di lavoratori che assicurano agli occidentali servizi a basso costo in campi meno considerati, come l’elettronica e l’editoria. E il mondo è pieno di persone duramente sfruttate per alimentare mercati illegali: chi ha estratto il coltan che fa funzionare lo smartphone che state usando per leggere queste parole? Non è detto che non sia stato un bimbo in Nigeria.

A questo si potrebbe obiettare che questo tipo di sfruttamento non implica trasformazioni del corpo e trattamenti medici coatti. Ma a me non sembra difficile pensare a sfruttamenti – o anche addirittura a rapporti di lavoro che non percepiamo come sfruttamento – che provochino deformazioni non volute del corpo e della salute. Che dire ad esempio degli operai morti per cancri che si sarebbero potuti evitare se gli imprenditori non avessero usato, nelle fabbriche, certi materiali, o morti in incendi evitabili? Il cancro non è una deformazione del corpo e una lesione dell’integrità? E la morte per ustione?

L’argomentazione dello sfruttamento, dunque, se è giusta, non si può limitare alla gravidanza per altri. Chi si oppone alla gravidanza per altri dovrebbe anche essere parecchio attento alle merci che compra, e protestare duramente tutte le volte che il nostro paese commercia con nazioni in cui i diritti e la salute dei lavori non sono tutelati adeguatamente. Non mi pare che questo avvenga. Inoltre, l’argomentazione dello sfruttamento nulla dice contro gravidanza per altri dove non ci sia passaggio di denaro.

Si potrebbe dire, però, che in realtà il motivo per cui la gravidanza per altri non è ammissibile sta nella relazione che si crea fra la madre e il nascituro durante la gestazione. Questa relazione viene interrotta dopo la nascita, e ciò lede l’interesse della madre – e, immagino, anche del bambino. E questa relazione è appannaggio esclusivo delle madri.

A prima vista, quest’argomentazione limita il discorso alle donne, perché ovviamente gli uomini non possono avere questo tipo di relazioni con i nascituri. Ma vedo due problemi in essa. In primo luogo, non capisco come un’argomentazione del genere possa conciliarsi con la liceità dell’aborto. O la relazione si istituisce a un certo momento della gestazione (quale?), o la relazione può essere interrotta quando la madre vuole, per certi motivi: ma allora non capisco perché questo non valga per la gravidanza per altri, dove peraltro la gestazione viene portata a termine. (O forse le donne sono più libere di abortire che di vendere una gestazione?) E nemmeno capisco se questa relazione continui immutata dopo la gravidanza: mi sembra che qualcosa cambi, e che le relazioni con i bimbi nati forse siano meno esclusivamente femminili – nel qual caso, il genitore biologico che affida suo figlio alla madre surrogata sarebbe anch’egli o ella un termine della relazione. E, ovviamente, non si capisce perché certe relazioni debbano essere esclusive (perché la madre surrogata, specialmente se non ci sia stato passaggio di denaro, dovrebbe cessare del tutto i rapporti con il figlio biologico?).

Quali che siano le nostre posizioni, mi sembra che la discussione sulla gravidanza per altri non possa essere una battaglia delle donne contro tutti – e che sia un cattivo servizio, alle donne stesse e ad altri, vederla così.

[Immagine: Foto di Hannah Starkey (gm).]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *