cropped-041.jpg
a cura di Massimo Gezzi

[Dopo Buffoni, MagrelliPusterla e Anedda, la rubrica degli Inediti presenta oggi tre poesie inedite di Carlo Bordini, seguite da una nota dell’autore scritta appositamente per la rubrica].

Festa

Myra, che ha circa cinquant’anni meno di me,
mi ha detto:
quando avrò 70 anni, e sarò una
vecchietta rattrappita,
tu mi verrai a trovare e (mi) dirai
come stai?
Io ti dirò:
avevi ragione. (tutto sommato)
è andata abbastanza bene.
Tu mi dirai:
sono venuto a farti una sorpresa.
Sei venuto a farmi una sorpresa.
Sono venuto a portarti ad una festa.

*

Autunno

Quando la fantasia
scopre l’invenzione di se stessa
si stanca
di inventare la realtà
non esistono le ore, non esistono i giorni, l’esistenza e la vita si
confondono.

E’ questo il paradiso? O l’autunno?
l’inverno precede dunque l’autunno? E’ questa la cabala?
così come la guerra precede la pace.
l’acqua è acqua di pozzo, molli onde, concentriche.

Ciò che richiama il tuo incerto sorriso. Un ricordo oltre i mari, oltre
le colonne di sole. Le foglie girano e riportano indietro.

tu non immagini di vivere in un castello incantato, e
di svegliarti dopo trent’anni, credendo di aver dormito
dieci minuti

forse sono le ragnatele ad aver dormito, o forse abbia-
mo dormito entrambi. abbandonai
nei tuoi terrori i miei. l’autunno
è appena iniziato.

*
Assenza

Provavo per te come una specie di nostalgia
come se tu non ci fossi
e questa mancanza era più dolce della presenza
un ricordo può darsi,
una presenza che è assenza e che per questo sembra presente
come se la presenza fosse infinita e non possa convertirsi in assenza
ciò che è stato può non ripetersi ma è come se si ripetesse
o non è necessario che si ripeta per ripetersi non ancora ma sempre
il presente è ghiacciato
il ricordo non è più necessario
ma incombe
esso è presente infinito e quindi continua assenza
presenza non necessaria ma comunque presente
presenza
presenza nell’assenza che è dolce come la presenza
esperienza presente ma ormai non più ripetibile
presenza immobile e dunque come fosse eterna
senza la necessità di una conferma il tempo dunque non esiste più
l’amore eterno è un amore senza tempo senza ripetizione
è come l’assenza
il cristallo divino del presente non può essere contaminato dalla presenza
è ricordo infinito e quindi assenza
non ha nostalgia e non può avere rimpianto
non può non essere e quindi è
prego che tu non ritorni per farmi finire queste righe
quando tornerai si fermerà
morirà la magia della presenza e assenza
il presente non sarà più assente e quindi morto
il foglio finito
il ricordo diventerà trance
avverrà una rivelazione improvvisa
la ragnatela del tempo si lacererà
tutto sarà movimento millimetrico
mistero o oblio
non ricorderò più nulla di ciò che ho ricordato
il presente banale sarà morte e il nulla
il ricordo dormirà sopra il cuscino
cristallo infinito che può muoversi senza essere presente e avere presenza alcuna
assenza che è cristallizzazione dell’essenza
e morte.

morte divina che non ha bisogno di presenza
foglio che si stacca come se fosse l’ultimo
il quattro è il simbolo della morte secondo i greci
perché dopo il tre tutto è compiuto
e questo è il foglio numero quattro e quindi morte
una morte che non può morire perché morendo diverrebbe punto d’arrivo
punto d’arrivo che non può non deve esserci perché il ricordo è eterno
tutto è finito ma tutto non è finito e il presente è ghiaccio ghiacciato
come l’insetto nell’ambra
e l’immobilità del presente richiama il bisogno del sogno dell’assente
il vuoto è sogno è assente
è presenza vera e unica unica presenza vuota
spogliata de lpunto d’arrivo
il maratoneta corre in eterno per non esser morto quando si fermerà arriverà il punto di arrivo
e tutto diverrà vuoto
presente vuoto casuale non eterno assolutamente
e l’insetto imprigionato nell’ambra si sveglierà e desidererà nuovamente dormire
il maratoneta sa che vive in un sogno e che non deve assolutamente giungere al traguardo
delle brioches tutto è divino tranne l’orrendo banale striscione di arrivo banale
la sua corsa è continua assenza fuga egli fugge non corre non gareggia non partecipa alla gara
lo striscione di arrivo le fanfare le odia, egli
vorrebbe non arrivare
e sa che il suo arrivare è la sua condanna la fine del sogno la fine dell’assenza il ritorno al banale
egli odia i discorsi del sindaco l’arrivo le fanfare dell’arrivo
egli non vuole assolutamente essere intervistato.
non vuole assolutamente che qualcuno frughi il suo sogno
e lo deturpi con le sue parole
vuole essere solo l’assenza è una presenza continua.
come il maratoneta che corre e vorrebbe che questa corsa fosse eterna
per non tornare all’assenza del presente
per poter ricordare
per non dover ripetere
per non dover sfidare il presente paragonandolo al suo ricordo
non vuole brioches non vuole la gloria
per favore lasciatelo correre
lasciatelo pensare al momento magico che non si ripeterà perché è magico
nel ricordo è magico nel ricordo non era magico è magico solo nel momento che lo sogno correndo
il presente è assente quando arriverà si distruggerà perché non è ricordo
il maratoneta odia il presente l’orologio con cui controlla il tempo
è finito.

*

Nota ai testi

Dopo la pubblicazione de I costruttori di vulcani, avvenuta sei anni fa, mi sono dedicato molto alla narrativa (Memorie di un rivoluzionario timido, edito da Sossella, e un altro romanzo ancora inedito) e ho scritto anche molte poesie, ma mi sono ritrovato con un problema: non riuscivo a coordinarle in un libro. Per me in un libro di poesie conta molto l’architettura. C’era una grande diversità tonale in queste poesie che mi impediva di farne un tutto che avesse un minimo di armonia. Così ho accettato l’invito di Carteggi letterari di pubblicare un libro non molto lungo, Assenza, che uscirà ad ottobre, nel quale sono riuscito a inserire poesie che hanno qualcosa in comune, per lo meno per il tono, più dolce rispetto ad altre raccolte, e in cui hanno gran peso poesie d’amore. Mi sono accorto insomma che non volevo più fare libri che comprendessero o contenessero un periodo di scrittura poetica, ma piuttosto libri, ancorché piccoli, che avessero un’unità tonale; forse più che una decisione è stata una necessità o una scelta obbligata. Ho infatti in preparazione un’altra raccolta, anch’essa non molto lunga, che ha una tonalità completamente diversa; ho anche nel cassetto alcune poesie che mi piacciono ma che non so proprio dove mettere (Carlo Bordini).

[Immagine: Silvia Camporesi, Le città del pensiero (gm)].

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *