di Michele Zaffarano

 

[È appena uscito per Nino Aragno Editore, nella collana i domani diretta da Maria Grazia Calandrone, Andrea Cortellessa e Laura Pugno, Sommario dei luoghi comuni, di Michele Zaffarano. Ne presento alcuni estratti].

 

I luoghi comuni hanno per Aristotele un senso del tutto diverso da quello che noi attribuiamo a questa espressione. I luoghi comuni non sono degli stereotipi pieni, ma al contrario, dei luoghi formali: in quanto generali (il generale è proprio del verisimile) sono comuni a tutti i soggetti.

Roland Barthes

 

1 (1:1)

Le forme delle idee ha le complesse forme

ha le complesse relative forme

le forme delle idee è raccolte alle sfide

è raccolte agli inviti le forme

fissa sorprende gli sguardi

mente sulle precisioni dei pensieri

mette le mani sui tesori

le forme delle idee è strane

è delle idee pensa le forme

pensa le finali forme dei materiali universi

 

2 (1:2)

È le naturali copie

le naturali copie socializza le ferme sociali idee

le naturali copie va oscurantemente alle fantasie

produce i sociali leganti risultati

i leganti fermi risultati è le ferme sociali idee

le ferme sociali idee cambia le proprietà

le ferme sociali idee cambia i risultati

è costantemente le fughe dai comunati miracoli accoglie

ogni persone scambia le idee

ogni persone aspetta le leganti comunate ansie

 

 

3 (1:3)

I progressi avanza

i progressi si vede nelle unitarietà

si vede univocamente

i progressi è scomparsi

i progressi scompare

non dice le verità

i progressi è i nuovi progressi svelamenti

le immediate creazioni si svela grazie i progressi

alle idee delle conversioni si svela grazie i progressi

i progressi ascolta alle idee delle conversioni

ascolta le opposizioni alle idee delle conversioni

i progressi avanza

i progressi avanza più o meno medianamente

i progressi avanza grazie ai problemi delle trazioni

ai problemi i progressi è ai problemi delle trazioni

ai problemi i progressi non è scambiati

 

 

4 (1:4)

Le rinunce viene meno

le rinunce scompare

le rinunce non alza degli sguardi

non riesce i calmamenti degli sguardi

le rinunce rinuncia

le rinunce sviluppa le relative forme le idee

le idee è le espresse semplici espressioni

le espresse idee ha le espressioni senza dei pensieri

ha le espressioni senza le semplici espresse idee

senza le rinunciate idee degli altri dei pensieri

ha le semplici espressioni senza

 

 

5 (1:5)

Le idee è differenziate nelle grandezze

le idee è indotte nelle primarie grandezze

le idee è incluse nelle primarie nature

le idee perturba nelle mancanze dei soggetti

le idee riguarda le identificazioni

le idee è fatte primariamente con le idee

le idee è fatte primariamente riconoscenti

le idee esprime le necessarie condizioni

le idee fa i passi nelle primarie nature

le idee produce le pressioni degli inganni

le idee alza le pressioni degli inganni

le idee possiede le conoscenze

le pressioni degli inganni possiede le conoscenze

le conoscenze conosce delle ogni cose alcune di loro

 

 

6 (1:6)

Delle idee non riguarda delle forme

non riguarda delle forme gli attuali corpi delle idee

delle idee è convertite grazie dei principi

ha gli attuali corpi grazie dei fisici principi

ai lentamente movimenti dopo gli atti dei fisici principi

alle primariamente rimozioni delle origini delle forme

 

 

7 (1:7)

Non è state dette nessune cose delle verità

nessune cose dei ripensamenti delle verità

delle verità ce n’è vere poche a poche

quando ce n’era adesso non ce n’è

 

 

8 (1:8)

È i grandi desideri delle meraviglie delle tecniche

i grandi desideri vuole delle meraviglie delle tecniche

vuole conosciute delle meraviglie delle tecniche

vuole trova i congeli sopra i pensieri

il mondo delle meraviglie delle tecniche trova i congeli sopra i pensieri

i pensieri trova i congeli sopra i pensieri

le labbra trova i congeli sopra le labbra

grazie le labbra le idee trova i congeli

le idee riassume i congeli delle meraviglie delle tecniche

riassume il mondo delle meraviglie delle tecniche

 

 

9 (1:9)

I silenzi è gli sconforti

i silenzi delle comunanze è gli sconforti

i silenzi delle comunanze è le oppressioni

i silenzi svela gli sconforti delle oppressioni

i silenzi delle comunanze svela i silenzi

svela le perdite delle risposte

svela le perdite nelle adeguate delle risposte

 

 

10 (1:10)

Delle idee arriva le forme delle idee

delle idee prevale le forme delle idee

primariamente sta meglio nei posti qui

capisce meglio nei posti qui

dipende le forme delle idee qui

le forme delle idee si evolve seguendo agli aumenti

si evolve seguendo le disposizioni

le disposizioni delle idee segue delle idee

le disposizioni delle idee agli aumenti segue agli aumenti

le forme delle idee prevale le forme

le forme si evolve seguendo le disposizioni delle idee

 

 

11 (1:11)

Le idee parte

le idee parte verso ai terrori

le idee appartiene ai terrori

le idee terrorizza

le idee è le sofferenze

le idee soffre

le idee garantisce

le idee garantisce verso le idee

le idee garantisce verso alle sofferenze

ogni persone soffre con le ansie le idee

ogni persone garantisce con le ansie le sofferte idee

 

 

12 (1:12)

Dei tempi non è le idee dei tempi

ogni persone le sa le idee dei tempi

ogni persone le sa continuitamente

le idee dei tempi è le assenti idee dei tempi

ogni persone si scambia le idee dei tempi

aspetta con le ansie le idee dei tempi

le idee dei tempi non è i sentimenti dei tempi

ogni persone li sa i sentimenti dei tempi

ogni persone li sa ininterrottamente

i sentimenti dei tempi svela le assenti idee dei tempi

le assenti idee dei tempi è nelle idee i sentimenti

i sentimenti non svela le idee dei tempi

i sentimenti svela le assenti idee dei tempi

 

 

13 (1:13)

I pensieri mette i pensieri sulle comunioni

pensa i pensieri delle idee sulle comunioni

porta i pensieri ai fenomeni delle qualità

i pensieri produce le impressioni delle qualità

è i pensieri sulle forme delle idee

è sulle forme delle idee produce le impressioni

mette le mani sulle forme delle impressioni

sulle forme delle impressioni è nascosti alle verità

sulle forme delle idee mette le mani alle verità

progetta le impressionanti operazioni alle verità

le operazioni svela i pratici giudizi alle verità

sulle forme delle idee svela i pratici giudizi alle verità

i pratici giudizi non ha i primari assoluti valori

 

 

Nota

 

La produzione delle idee, delle rappresentazioni, della coscienza, è in primo luogo direttamente intrecciata all’attività materiale e alle relazioni materiali degli uomini, linguaggio della vita reale. Le rappresentazioni e i pensieri, lo scambio spirituale degli uomini appaiono qui ancora come emanazione diretta del loro comportamento materiale.

Karl Marx e Friedrich Engels

 

Il riconoscimento è una percezione che si è arrestata prima di avere l’opportunità di svilupparsi liberamente. Nel riconoscimento c’è l’inizio di un atto di percezione, cui tuttavia non è consentito lo sviluppo di una piena percezione della cosa riconosciuta. Si arresta al punto in cui servirà a qualche altro scopo, come quando riconosciamo un uomo per strada per salutarlo o per evitarlo e non per vederlo al solo fine di vedere che cosa c’è.

John Dewey

 

C’è un filo, non un concetto.

Paul McCartney

 

[Immagine: Haim Steinbach, Collections, foto di Agostino Osio].

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *