di Domenico Brancale

 

[Pubblichiamo 13 testi tratti dalla raccolta di Domenico Brancale Scannaciucce, uscita da poco per le edizioni Mesogea].

 

Guna ndutte mmienz’a ssi parole

mburchiàte nd’ ’a terre

téne o segne d’u scannaciucce

mbàreche add’ ’a i’èsse picché

ten’ ’a monde di jaccà o pinziere

mbizz’ ’a lenghe

 

 

Solo una fra queste parole

conficcate nella terra

ha i segni dell’agave

forse deve essere perché

ha la foia di tagliare i pensieri

sull’orlo della lingua

*

Nonn’avésse màie cuòte u fiore

pp’amore di non le scippà

’a voce

a nu povere criste

ch’è scangiàte

u pedìncule ppi na croce

qqua andò ’a lagne d’o lagne

si fàce cante

a skerdà l’arie d’u firmamente

e no’ ng’è zinzele d’ombre

Cèrche nu nome ca no ’mmi chiàme

 

 

Non avrei mai colto il fiore

per amore di non strappare

la voce

a un povero cristo

che ha scambiato

lo stelo per una croce

qui dove il lamento dei lamenti

si fa canto

a scheggiare l’aria del firmamento

non c’è straccio di ombra

Cerco un nome che non mi chiama

 

*

 

I’ere nu silenzie ianghe di milliche

culle c’a lla tavele

si spartìje ’a vita noste

e nisciune

nemmene ppi scànge

avésse pupetàte nd’o ’recchie di cull’ate

Gozàmene

ne ’ne nzippàte daìnte

 

 

Era un silenzio bianco di mollica

quello che a tavola

si spartiva la vita nostra

e nessuno

nemmeno per sbaglio

avrebbe sussurrato all’orecchio dell’altro

Alziamoci

ci hanno murati dentro

*

 

Cché ni vuo’ sapè

u gride ’nzangulentate di nu puorc’accise

’ngastràte nd’o recchie di nu surde

nciutèie

e non ti làsse

pp’amore ca ti sènte nu frate

 

 

Che ne vuoi sapere

il grido sanguigno di un maiale ammazzato

incastrato nelle orecchie di un sordo

stordisce

e non ti lascia

per amore di sentirti un fratello

 

*

 

 

O duie e mezze, lore cèrchene u sole.

I’éssene da fore ndonne o jacche.

Stanne nd’ ’u silenzie chille ca parlene.

Nuie ne stringeme alle mure, d’ ’o finestre ne spijène.

Nuie nonn’abbregugnaàme. Ll’ombre i’è di carne

come se fusseme u curperone di gognune di lore.

Parlà, crede e murì. Mbàreche sime angòre qqua.

Tu, i – skitte nu iate pp’ u sanghe.

«Eppure tutte quante accìdine culle ca vòlene tante»

 

 

Le due e mezzo, loro cercano il sole.

Escono fuori dalle crepe.

Stanno nel silenzio quelli che parlano.

Noi ci stringiamo contro i muri, dalle finestre ci spiano.

Noi non abbiamo vergogna. L’ombra è di carne

come fossimo il corpo di ciascuno di loro.

Parlare credere e morire. Forse siamo ancora qui.

Tu, io – un solo respiro con il sangue.

«Eppure ogni uomo uccide ciò che ama»

 

*

 

Me vulisse fa’ crede ca si turnere lla

andò cchiù pésele di na fronne

’ggi state ngullate allu viente

– o parole mmucche so’ mattutine

ppi rivegghié o muorte

truvere angòre tutte chille cose ca ’ggi vessute

senz’ u pinziere de vive

quanne u tiempe canosce sule u presente

passate o future ca sìie.

Mo, mo, mo! Accussi si ghìnghiene o recchie.

Mo i’è ’a garámme andò s’addrùpene o suonne nuoste.

Me vullisse fa’ crede ca abbevèsce angòre culle paise

o pedecàte nu mumente prime de ll’ombre.

 

 

Vorreste farmi credere che se tornassi là

dove più leggero di una foglia

sono stato incollato al vento

– le parole in bocca sono aurore

che svegliano i morti

troverei ancora tutto quello che ho vissuto

senza avere il pensiero di vivere

quando il tempo conosce solo il presente

passato o futuro che sia.

Ora, ora, ora! Di questo si riempiono le orecchie.

Ora è il precipizio della memoria in cui precipitano i sogni.

Vorreste farmi credere che esiste ancora quel paese

le mie orme un attimo prima dell’ombra.

 

*

 

E mi scerre nd’u suonne

com’a nu pacce mbacce a nu mure

ca non chinghiùde d’assogghie

u ghiuòmmere di spine

ca le jàcchene ’a cape.

 

 

E mi accapiglio nel sonno

come un pazzo contro il muro

incapace di sciogliere

il gomitolo di spine

che gli spacca il cervello.

 

*

 

Nu fridde nda l’uosse

i’è cuesta ’a chese andò vive

u suonne si n’è scrijète

mbàreche sènte

c’u tirramote

nd’u trópene d’u core

gràpe ppi ssempe nu jacc

 

 

Un freddo nelle ossa

è questa la casa che vivo

il sonno si è consumato

sembra sentire

il terremoto

nella pozzanghera del cuore

aprire per sempre uno spacco

 

*

 

Addò sòo i?

Addò sòo?

Cust’ i’è u suonne ca mi fàzze

non sàcce si so’ spine o curtielle

’ssi cose citte ca m’abbruculèine

u sanghe d’o pinziere

no’ mmi fàzze capace

eccó minnè nd’u liette di vammace

angune non pìgghie pace

Addò sòo i

no’ ng’è morte ca mi strùsce

 

 

Dove sono io?

Dove sono?

Questo è il sogno che mi faccio

non so se sono spine o coltelli

queste cose silenziose che assediano

il sangue dei pensieri

non mi faccio capace

perché nel letto di bambagia

qualcuno non prende pace

Dove sono io

non c’è morte che mi consuma

 

*

 

Pure sottaterre

angùne aspètte a mmi

nu zulù spugghiàte e vrusciàte

ca n’eterne stàie a lla spiranze

di na nùhele

ca si skàffe a chiange

e non s’ ’mbùnde cchiù

Sòo vere sicure

ca mi ngi ’ggià ’rricrijà

llà sotte a lla micciune

nd’ ’a ’ccisione d’u nihùre

O muorte so’ cchiù vive di nuie

 

 

Pure sottoterra

mi aspetta qualcuno

un beduino nudo e bruciato

che da sempre sta alla speranza

di una nube

che scoppi a piangere

e non la smette più

Sono certo

che mi sentirò felice

lì sotto in segreto

nella folla del nero

I morti sono più vivi di noi

 

*

 

No’ ng’è proprie niende da dice

ma sente ca ngi ’dda i’èsse na musiche

ca si ròseche o mure di ssa càmere

com nda na casce

u tarle sfragunescèie u cuiéte

Mbàreche i’è u rispire de anguùn’ate

ca vulèsse ’ssi da fore

senz’ ’a maskre di zanghe

ca lle ’ggi mbrestate

nu iuorne d’u cinche giugne

ppi ssorte

 

 

Non c’è proprio nulla da dire

ma sento che ci deve essere una musica

che rosicchia le pareti di questa camera

come in una cassa

il tarlo sgretola la quiete

Forse è il respiro di qualcun altro

che vorrebbe uscire allo scoperto

senza la maschera di fango

che gli ho imprestato

un giorno del cinque giugno

per sorte

*

 

Rasulate ndèrre

pare pare lambiscìzze

ca strìngene ’a vucche

Angùne avèsse a lla fine schinghiùse

angùne ca scùnte ’a pace suie

nchiùse nd’u tavùte di na voce

 

 

Rasoiate in terra

ovunque fulmini

che premono la bocca

Qualcuno avrebbe finalmente sparlato

qualcuno che sconta la pace

rinchiuso nella bara di una voce

 

*

 

Nd’ ’a grutte ’a lenghe tremmelèie

appinzilàte a lle pinziere

e i’è ’a voce

’a zoche c’affòche

quanne chiàme ppi nome o cose

 

 

Nella grotta la lingua oscilla

appesa ai pensieri

ed è la voce

la fune che strozza

quando tradisco per nome le cose

 

 

[Immagine: Claude Monet, Ville a Bordighera (Les Villas à Bordighera), 1884, Parigi, musée d’Orsay, particolare].

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *