di Sergio Benvenuto

 

1.

 

Alcuni non credono affatto che l’assurda pretesa di Trump di aver vinto le elezioni presidenziali sia effetto di qualche squilibrio mentale, di un ottuso rifiuto della realtà come in tanti negazionismi (Trump nega anche l’importanza dell’epidemia da coronavirus). Anche perché gran parte dell’establishment republican – che non è una banda di psicotici, si presume – ha sostenuto il suo rifiuto di fare concession, come si dice in America, cioè di ammettere sportivamente la sconfitta. Costoro dicono che dietro il comportamento in apparenza quasi-delirante di Trump ci sia invece un abile calcolo politico e personale. Ovvero, Trump vorrebbe “contrattare” la sua partenza dalla Casa Bianca, chiedendo a Biden assicurazioni sulla propria immunità penale, dato che il suo ritorno allo status di comune cittadino farebbe scattare una serie di incriminazioni e processi per quel che fece in passato… E che comunque Trump, anche in questo rifiuto di aver perso, asseconda gli istinti dei suoi elettori, tutti accomunati da varie negazioni della realtà: quella del riscaldamento globale, della pandemia, della globalizzazione, dell’inevitabilità dell’immigrazione…. Non ultima possibilità, il progetto di un colpo di stato, della guerra civile, contro un’America liberal identificata al bolscevismo.

 

Questa tesi sull’”astuzia di Trump” nasce da un presupposto che sembra del tutto verosimile: che se un politico è giunto al massimo del potere in un paese colto e potente, non può essere né uno stupido né un pazzo. Anche quando sembra fare o dire cose stupide o pazze (come faceva Berlusconi, ad esempio), si presuppone che ci sia in esse una sottile e cinica logica politica. Del resto, queste “cose pazze” sono quelle che vuole sentire il proprio elettorato, si dice. Credo però che la vita politica sia molto più irrazionale di quanto non sia disposto ad ammettere chi hegelianamente dà per scontato che “il reale è razionale”.

 

2.

 

Lo storico dell’arte Ranuccio Bianchi Bandinelli, segretamente di idee comuniste, fu obbligato a fare da cicerone a Hitler, venuto in visita in Italia nel maggio 1938. Il libro che descrive il suo incontro con Hitler, Mussolini e altri gerarchi fascisti (Hitler e Mussolini, 1938: il viaggio del Führer in Italia, E/O, 1995) è una testimonianza rivelatrice.

 

Mussolini, commentando la parata navale offerta a Hitler a Napoli per esibire la potenza italiana, disse che la Gran Bretagna era invidiosa della forza della marina italiana, dato lo stato di declino e di degrado del potere navale inglese… Bianchi Bandinelli, che pur non era un esperto di cose militari ma una persona colta e intelligente, notò con stupore quanto lo stesso Mussolini, sparando una sciocchezza del genere di fronte al suo alleato, fosse lui stesso la prima vittima della propaganda auto-compiaciuta del fascismo contro l’Inghilterra. Per Bianchi Bandinelli era evidente che la marina britannica era superiore di gran lunga a quella italiana. Eppure, se Mussolini lo disse con tanta sicumera a Hitler, ci doveva certamente credere.

 

Hitler, che era stato un pittore fallito, amava sinceramente l’arte. Bianchi Bandinelli fu colpito da quante volte Hitler commentasse le bellezze artistiche che vedevano, a Roma e a Firenze, dicendo “Ecco, se ci fossero i bolscevichi, tutto questo sarebbe distrutto!”. Insomma, anche Hitler era stato convinto dalla propria propaganda: che i bolscevichi distruggessero sistematicamente le opere d’arte antiche, confondendoli probabilmente con i futuristi italiani come Marinetti (che volevano davvero distruggerle, e che invece fiancheggiavano il regime fascista). Eppure doveva sapere che l’Hermitage di Leningrado era aperto a tutti. Hitler sembrava assolutamente convinto del fatto che i comunisti fossero barbari distruttori di opere artistiche.

 

Percorrendo via Veneto, all’epoca la più elegante strada romana, Hitler fu colpito dalla bellezza ed eleganza di alcune donne italiane e disse, convinto, che il portamento delle italiane era particolarmente raffinato perché erano abituate a portare cesti in testa. Che le signore che passeggiavano per via Veneto fossero state contadine con panieri in testa, come Hitler aveva probabilmente visto in qualche film folkloristico, era evidentemente un’altra colossale stupidaggine. Il leader politico risultava vittima di immagini turistiche di bassa lega.

 

Mussolini non si preoccupava molto dell’entrata degli Stati Uniti in guerra e ripeteva che la forza militare statunitense era di gran lunga sopravvalutata. Il giornalista Indro Montanelli, che invece era una persona intelligente e viaggiava, disse allora ai suoi amici: “Perché non mostrate a Mussolini l’elenco telefonico di New York?” La sola vista di quell’elenco avrebbe persuaso quel fanfarone a non fare la guerra agli US.

 

Di solito si pensa che Hitler fosse intelligente ma pazzo, mentre Mussolini fosse solo stupido. Ma mi pare che tra i due dittatori anche la stupidità fosse alquanto ben distribuita.

 

3.

 

Invece, la democrazia permette davvero – come dicono i suoi agiografi – di scegliere i propri leader tra la gente migliore, oppure premia spesso dei cialtroni? Forse non c’è una risposta univoca. La democrazia sceglie delle volte il meglio, delle volte il peggio, altre volte la mediocrità. In tanti pensiamo che, eleggendo Trump nel 2016, la democrazia americana abbia scelto il peggio. Dopo Trump, la democrazia americana ha perso gran parte del suo prestigio.

 

Di recente, in una trasmissione televisiva italiana si diceva, tra le altre cose, che Trump sa bene del riscaldamento globale e del ruolo che gli umani giocano in esso, ma lo nega per demagogia, per giustificare la sua politica di sviluppo sfrenato dell’industria americana senza preoccuparsi dell’ambiente.

 

Ma supporre in Trump la conoscenza della verità e pensare che egli la neghi cinicamente giusto per vincere elezioni, è un modo di sopravvalutarlo. Egli guarda unicamente Fox News, il canale ultra-conservatore i cui notiziari sono infarciti di menzogne, manipolazioni dei fatti o semplicemente di stupidaggini. Se Trump fosse un cinico calcolatore intelligente, seguirebbe piuttosto le trasmissioni e la stampa serie, anche se democrat, per informarsi e poter quindi elaborare col suo staff menzogne per nascondere abilmente la verità alle plebi credule. Vedendo come Trump parla e scrive, ho l’impressione che egli sia invece piuttosto come Mussolini e Hitler: un cialtrone vittima per primo della propria stessa propaganda. Ci scommetto che Trump sia il primo a credere che non esista effetto serra, che un muro al confine col Messico sia un modo efficace di evitare l’immigrazione, che l’Unione Europea sia una minaccia per gli Stati Uniti, e che davvero abbia perso le elezioni del 2020 per i brogli dei democrats… Non diversamente da come Mussolini e Hitler credevano alle insulsaggini della propaganda nazista e fascista. Non credo che Trump sia un cinico calcolatore che mente sapendo di mentire, purtroppo è in buona fede.

 

Credere che l’avversario politico sia molto intelligente è un errore in cui cadono spesso gli intellettuali. Ci cadde anche Bertolt Brecht, quando in La resistibile ascesa di Arturo Ui (1941) descrisse i nazisti al potere come una banda di gangster italo-americani nel racket dei cavolfiori. Credo invece che i grandi gangster fossero molto più intelligenti – cioè disincantati – dei capi nazisti. Costoro credevano veramente nei loro ideali deliranti: che ebrei e slavi fossero razze inferiori, che c’era una cospirazione mondiale sionista, che i tedeschi fossero una razza eletta (Hitler prese sul serio anche la ricerca del Sacro Graal…), ecc. A differenza dei mafiosi americani, i nazisti avevano degli ideali. Questi, spesso, producono più danni del semplice calcolo dell’utile personale.

 

4.

 

Proviamo a estendere il nostro ragionamento. Non penso che demagoghi come Salvini, Trump, Le Pen, Boris Johnson, Obrán o Bolsonaro siano davvero dei cinici calcolatori, che dicono anche le cose più strampalate giusto per averne un ritorno in termini di voti. Il leader politico disinformato, gradasso, crede davvero alle corbellerie che racconta. La cosa terribile di tanti leader – anche di alcuni di sinistra– è che sono spesso davvero sinceri. Davvero la pensano come i loro elettori.

 

Insomma, aveva torto Voltaire: quando due preti si incontrano per strada, non scoppiano a ridere. Stessa cosa per due fascisti che si incontrano per strada: non ridono.

 

Credo che non sia diverso con gli animatori televisivi o radiofonici che guidano trasmissioni becere e superficiali. Partecipai qualche volta a qualcuna di queste, e fui colpito da quanto questi animatori fossero sinceri… Si può pensare che questi giornalisti o intrattenitori si rendano perfettamente conto quanto siano cretine le cose che raccontano e lasciano raccontare, e che lo facciano solo per alzare gli indici di ascolto. Sono invece convinto che riescano a versare idiozie perché anche loro ci credono. Non potrebbero fingere a lungo e in modo così convincente.

 

Insomma, tendiamo a sopravvalutare sapere e intelligenza dei nostri leader, anche quando li detestiamo. Invece il loro livello intellettuale e culturale non è molto diverso da quello della maggior parte dei loro simpatizzanti. È l’immagine che ho di quasi tutto lo staff dirigente dei Cinque Stelle, per esempio, oggi principale partito di governo: di incompetenti che a lungo (prima di confrontarsi con la realtà del governare) hanno davvero creduto alla vuota demagogia che ha convinto, nel 2018, un elettore italiano su tre.

 

Vedo molti dei nostri leader attuali come dei giovani sprovveduti che imparano l’ABC del governare man mano che governano, scontrandosi con la prosaica realtà delle cose. Sembrano pescivendoli alla Masaniello che devono rendersi conto, giorno dopo giorno, che l’arte di governare non ha nulla a che vedere con le tirate di propaganda di quando si è all’opposizione (Masaniello non ebbe il tempo di imparare, per cui fu fatto fuori in pochi giorni).

 

5.

 

Ma allora, se tanti nostri leader sono stupidi e ignoranti, come accade che le nostre nazioni non vadano a carte quarantotto?

 

La verità è che, per lo più, le decisioni politiche hanno una scarsa influenza – per fortuna – sul sistema economico e sociale di un paese. Lo abbiamo ben visto in Spagna nel 2016: per oltre un anno il paese è stato privo di un governo, eppure l’economia spagnola non è andata mai tanto bene, oltre il 3% annuo di crescita. Un dato che potrebbe dar ragione ai teorici del liberalismo radicale. Ogni paese è un sistema che, forte o sgangherato che sia, ha i suoi automatismi, e in larga parte fa a meno delle decisioni politiche. La società, l’economia, seguono il loro corso, la politica incide poco su di esse. Tranne in momenti chiaramente catastrofici, quando gli automatismi non possono funzionare più: le crisi del 1929 e del 2008, le aggressioni naziste degli anni 1930, le epidemie come nel 2020… Allora la politica deve fare davvero scelte cruciali, gli automatismi vanno spezzati. Ed è perciò che oggi il neo-liberalismo è in evidente declino: in certi casi, la politica deve intervenire.

 

Per il resto, i politici al governo si concentrano spesso su questioni irrilevanti, ma che hanno un grande impatto emotivo e mediatico: se costruire o meno la TAV, se emanare leggi che proteggano di più chi spari sui ladri, se far restituire ai parlamentari parte del loro stipendio, se ridurre il numero dei parlamentari, se eliminare auto blu, quali dirigenti della RAI scegliere… Tutte questioni che non incidono per nulla sul funzionamento reale della società, ma che sono totem del dibattito politico. Puri vessilli, bandiere, assiomi per cui battersi fino all’ultimo sangue.

 

Eppure alcune decisioni politiche possono avere effetti catastrofici, come ben sappiamo. La stupidità paranoica di Mussolini e Hitler portò alla guerra mondiale, alla loro stessa fine. Nel 2011, far fuori Gheddafi senza cercare di governare il processo di ricostruzione della Libia fu un grande errore delle potenze occidentali (anche se un errore ispirato dalle migliori intenzioni politicamente corrette: non condizionare “da colonialisti” il destino della Libia, non interferire nella sua autonomia…) Ma le scelte sciocche dei nostri politici sono, di solito, di più modeste dimensioni: spesso più demagogia che vere riforme. C’è poi dietro di loro un esercito di tecnici navigati che limano le scempiaggini decise dai politici e le riportano a dimensioni più accettabili. Insomma, il sistema-paese resiste ai fuochi artificiali dei politici andando avanti per la propria strada; o andando indietro per la propria strada. La politica reale è – talvolta per fortuna, talvolta per sfortuna – alquanto indipendente dalla politica mediatica. È l’ambiguità della mediocrità dei politici: da una parte le loro scelte non risultano così dannose perché si concentrano su iniziative di pura facciata che non cambiano veramente il sistema, dall’altra invece alcune scelte possono davvero rivelarsi deleterie.

 

La stupidità e l’ignoranza di tanti leader, eletti proprio perché stupidi e ignoranti, sono quindi a doppia faccia: la stupidità può portare o a immani catastrofi, oppure essa lascia esattamente le cose così come stanno.

 

6.

 

Correlata a questa sopravvalutazione del sapere e dell’intelligenza dei politici è la teoria – che oggi in Italia viene evocata sempre meno – della “stanza dei bottoni”. Se si giunge al potere, si entra nella misteriosa stanza dei bottoni. Un tempo si diceva: si conquista il Palazzo d’Inverno (a San Pietroburgo).

 

Personalmente non ho mai avuto il piacere di entrare in qualche stanza dei bottoni, ma ho frequentato a lungo persone che nella stanza sembravano starci. All’inizio degli anni 1980 entrai nella redazione di una rivista politico-culturale all’epoca molto prestigiosa, “Mondoperaio”, mensile del partito socialista diretto da Federico Coen. Fra le altre cose “Mondoperaio” aveva lanciato negli anni 70 la figura di Norberto Bobbio, e annoverava ottimi collaboratori. Ma soprattutto era organo di un partito di governo. Mi dissi: “Non è che così entrerò nella stanza dei bottoni. Ma certamente capirò finalmente molte cose della politica italiana, e non solo, che da comune mortale che legge i quotidiani non posso capire”. Dopo un po’, mi resi conto che in quella redazione, e in generale nell’élite intellettuale socialista, non si sapeva nulla di più di quel che sapevo io leggendo dei buoni quotidiani e settimanali. Nessun segreto fondamentale emerse in quei più di dieci anni in cui fui redattore di “Mondoperaio”.

 

Certo, c’erano alcuni traffichini che facevano gossip, che sapevano se Craxi aveva attualmente un’amante o meno, o quanto piacesse bere al ministro de Michelis. Ma non ebbi mai quelle “chiavi” che mi aspettavo di avere per il solo fatto di bazzicare il palazzo del Potere. E non le ebbi perché non c’erano. Del resto, è quel che disse anche Pietro Nenni, per tanti anni segretario del partito socialista all’opposizione. Quando entrò nel governo di Centro Sinistra nel 1963 come vicepresidente del consiglio, si disse “Finalmente sono nella stanza dei bottoni!” Ma ben presto si rese conto, e lo scrisse, che la stanza dei bottoni non esisteva. È una fantasia di chi è lontano dal Palazzo, è l’embrione di ogni complottismo. I politici, i leader, si arrabattano non meno di quanto facciamo noi che seguiamo un po’ di politica. Anche loro mi sembravano preda di pregiudizi, partiti presi, chiavi interpretative precostituite, valutazioni generiche o cliché sulla realtà…. Questi politici e leader erano insomma dei poveracci come noi. Certo conoscono tratti personali dei loro avversari che possono essere loro utili quando si tratta di negoziare, a loro la lotta politica appare quasi sempre scontro tra persone. Ma conoscono molto poco la società che devono governare. Quando fanno delle buone analisi, sono analisi che potrebbe fare chiunque segua un po’ la stampa che conta.

 

Lo abbiamo verificato poi a livello planetario con Wikileaks. Mi si citi una sola informazione uscita fuori da Wikileaks che abbia cambiato il nostro modo di vedere un paese o una fase storica! Gran parte erano riassunti informativi che servivano ai politici per avere il quadro di un paese. Ma per chi viveva in quel paese si trattava di banalità, di cose risapute. I Grandi della Terra non ne sanno molto più di noi.

 

7.

 

Per finire. Se la stanza dei bottoni non esiste, anche il potere di Trump è stato esso stesso, nel fondo, inesistente. Certo poteva e può spingere il bottone della bomba atomica, il che non è poco. Non mi stupirebbe se, prima di andarsene, ordinasse un attacco atomico contro l’Iran, da buon paranoico qual è. Allora bisogna sperare in un equivalente americano del generale Dietrich von Choltitz, come nell’agosto 1944 a Parigi… Il potere politico può distruggere intere città, ma di solito non riesce a cambiare nulla. La stanza del bottone atomico non è il Palazzo d’Inverno.

12 thoughts on “La stupidità al potere

  1. Anche Max Weber in la politica come professione mi pare, del fatto che i politici credono alla demagogia che propagandano

  2. Se questo post vuole essere decostruttivo, sono d’accordo sulla sua utilità generale. Ma ha una contraddizione interna: quando ripete due volte che si può conoscere “leggendo dei buoni quotidiani e settimanali”, e ci sono “analisi che potrebbe fare chiunque segua un po’ la stampa che conta”, vuol dire che c’è chi capisce davvero, e lo scrive, e c’è chi vuol capire, e lo legge. Quindi una frattura tra élites e il resto, votanti e governanti, c’è! E’ questa la morale dell’articolo. Da cui si possono trarre conclusioni di vario tipo…

  3. che dire dei rischi relativi alle “convinzioni” di alcuni scienziati apparentemente influenti(virologi,epidemiologi ecc.)?

  4. “ Mercoledì 20 marzo 1996 – Stasera, non so perché, mi è tornata in mente la « stanza dei bottoni ». Chissà chi se l’era inventata: Nenni? Fa un po’ ridere, trent’anni e più dopo, quest’idea del potere, fa un po’ Dottor Stranamore, fa un po’ Spectre, fa un po’ Radio Scuola Elettra. (Faceva ridere anche allora?) “.

  5. Trump, comunque si voglia inquadrarlo intellettualmente, non è uno che si sveglia al mattino, guarda Fox News e si convince di aver perso le elezioni a causa dei brogli: intorno a lui, come intorno a ogni presidente Usa, c’è un nutrito staff di consiglieri e di esperti i quali sicuramente gli hanno detto che denunciare i brogli era una buona idea. Che poi anche gli esperti possano prendere cantonate è indubbio. Quanto a Ranuccio Bianchi Bandinelli, aveva interesse a fare la caricatura di Hitler e Mussolini e scriveva in un’epoca in cui era lecito farla. La flotta italiana nel 1938 era per esempio davvero ritenuta universalmente una delle migliori al mondo.

  6. Mi son detto? Ma di chè questo titolo così sfacciatamente manicheo ? Ah, Benvenuto, d’accordo. Quanto alla gestione disastrosa del Covid, basta vedere il tasso di mortalità per scoprire che i paesi populisti (categoria geopolitica inesistente) non solo non sono in testa alla lista stessa ma vengono dopo bravi alunni dell’UE e paesi sudamericani non populisti. Essendo gli stati untiti un governo federale, Trump sul covid ha potuto pochissimo e gli stati si sono in gran parte regolati da sé.
    Trump, o l’equipe che ne fa le veci, crede che creare macchine elettriche in Cina (in miniere dove muiono di cancro anche dei giovanissimi) produca tanto inquinamento quanto usare il petrolio. Inoltre i minerali rari sono appunto rari, quindi finiranno prima del petrolio. Per non parlare del fafto che la Cina in questo mondo si è presa la testa del settore. Ma alla sezione del PD (Panglossiani dispotici) di Benevento non dev’essere pervenuto. Maleventum!

  7. P. S C’è poi quel colloquio segreto -e poi rivelato- col giornalista del Whashington Post in cui Trump, tipo a febbraio, dice di sapere benissimo che il COVID è un virus grave. Evidentemente ha scelto un’altra strada comunicativa, forse sperando nell’idrossiclorochina -appena “liberata” in Italia dal Consiglio di stato.
    Ergo non è vero che sappiamo tutto.
    Per esempio io non so perché l’UE ha speso un miliardo e passa di nostri dollari per il Redemsivir quando da marzo legioni di medici ne predicano l’inutilità e quando ormai la stessa OMS avanzava numerosi dubbi. Va da sé che i medici in questione furono sbertucciati da laureati in lettere improvvisatesi scienziati sul parere del medico amico di famiglia, entrambi accomunati dalla poderosa spaienza antipopulista.
    P.P. S. Si scrive Orbán e non Obràn

  8. Sebbene sia d’accordo con l’autore che Trump crede alle cose che dice, ma non già un Orban, penso che il concetto di idiozia sia totalmente fuorviante non perché se lo conoscessi, a livello personale non lo giudicherei tale, ma perché un presidente e un leader politico di questo genere è un mandatario di determinati gruppi d’interesse, rispetto ai quali la sua azione deve essere funzionale, In realtà l’azione di ogni leader, indipendentemente da ciò a cui crede, è condizionata da questa funzionalità e anche dalla necessità di essere efficace da un punto di vista mediatico, dunque i criteri dell’azione concreta di Trump sono stati dettati da queste necessità. Prendiamo per esempio la questione dell’effetto serra: ha poco senso utilizzare il concetto di idiozia perché il problema non è se Trump creda o meno alla sua esistenza, ma che egli deve garantire il mantenimento dei profitti dal complesso industriale petrolifero e il fatto che lui non creda all’effetto serra o semplicemente che lo consideri secondario rispetto agli interessi economici che deve garantire immediatamente perché spera che la catastrofe accada dopo la fine del suo mandato non è importante. La sua posizione è utile per il tipo di interessi che rappresenta e in questa prospettiva è poco significativo se lui sia intelligente o sciocco. E’ sicuramente un personaggio limitato intellettualmente ed estremista, madescriverlo in termini di idiozia significa non prendere in considerazione l’apparato economico che ne condiziona l’azione.

  9. Non a caso il Marx del Capitale ha più volte indicato che il nesso tra soggettività astratta del valore/plusvalore e i soggetti individuali e concreti è quello teatrale delle Charaktermasken[3].
    +
    [3] «Ma qui si tratta delle persone soltanto in quanto sono la personificazione di categorie economiche, incarnazione di determinati rapporti e di determinati interessi di classi» (K. Marx, Il capitale, Prefazione alla prima edizione, tr.it. di D. Cantimori, Libro primo, Editori Riuniti, Roma 1964, p. 34).
    +
    (da https://www.altraparolarivista.it/2020/02/03/il-capitale-di-marx-come-inconscio-sociale-di-roberto-finelli/)

  10. @ Ennio Abate

    Infatti, nei titoli dei film si legge sempre: ” characters “, nel senso di ” personaggi “. Non vorrei esagerare, ma io da un po’ di tempo penso che Hollywood sia il vero ” quarto Reich “.

  11. @Giorgio Mascitelli @ Ennio Abate. L’interesse dell’articolo sta esclusivamente, infatti, nella certificazione che il Pangloss volteriano è diventato il simbolo della cultura DEM – si vedano anche le posizioni dei fautori della postcritica in questo stesso blog.
    Il mondo è a una dimensione. Punto. Non solo non esiste il grande “dietro” (struttura, inconscio, metafisica della tehcne) ma nemmeno quelli piccoli, medi e medio-piccoli. Obbligata a un silenzioso ma perpetuo meaculpa per aver sospettato e alla difesa di quella stessa fase storica (globalisation) che ne sancito sconfitta, la sinistra (dei salotti, ben inteso) deve, per coerenza di metodo per e non precipitare nuovamente nel dubbio, instaurare tutta una visione del mondo improntata all’unidimensionalità.
    Tutto ciò che è reale è razionale ? Magari. La formula è ben più trista: tutto ciò che scrive Repubblica è reale-e razionale. Non Hegel ma l’Aristotele tardo medievale
    Da qui il conio di “fake news”, “complottismi” e altro lessico censorio e totalitario -chiamiamo le cose col loro nome, sebbene questo sia grave e faccia sorridere quando applicato alla sezione PD di Benevento, età media 65 candele.

  12. Gli interventi della Sig.ra Filou mi sembrano molto interessanti, ma io sono una casalinga e non parlo le lingue. Qualcuno potrebbe tradurli per me? grazie!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *