Le parole e le cose

Letteratura e realtà

Responsabilità

Il sito Le parole e le cose (“blog”) raccoglie testi e interventi di natura letteraria, artistica e politica a scopi culturali e senza alcun fine di lucro. I testi sono pubblicati nell’esercizio della libertà di pensiero, espressione e informazione garantita dalla Costituzione.

La responsabilità degli articoli (“post”) è dei rispettivi autori, che ne rispondono interamente e legalmente. L’autore di ogni post è dichiarato in home page, accanto al titolo dell’articolo e subito dopo la dicitura “Pubblicato da“, oltre che sotto il titolo nella pagina dedicata al singolo articolo.

Ciascun autore si accerterà, prima della pubblicazione del proprio post, della esatta situazione di copyright o copyleft dei materiali che intende inserire, propri o altrui. È responsabilità dell’autore del singolo post accertarsi che non esistano impedimenti di copyright o diritti da assolvere in alcun modo per la pubblicazione del materiale, oppure procurarsi le liberatorie necessarie e inoltrarle alla Redazione. Le parole e le cose si impegna a cancellare immediatamente materiali postati per sbaglio senza consultare le fonti (e le condizioni di copyright delle stesse), ma non risponde in nessun modo – né economico né legale – di errori di singoli autori.

I diritti di proprietà intellettuale dei testi e delle immagini appartengono ai rispettivi autori, indicati negli articoli e nella pagina Immagine di apertura.

La responsabilità dei commenti agli articoli è degli autori degli stessi commenti. La pubblicazione di un commento, anche in seguito a operazioni di moderazione, non implica in alcun modo adesione ai suoi contenuti da parte di Le parole e le cose. Commenti offensivi, lesivi della persona o facenti uso di argomenti ad hominem verranno automaticamente cancellati.

 

13 commenti

  1. Ho scoperto solo oggi il vostro sito.
    Gustato il nitore
    di “Stato in luogo”:
    posare l’attenzione
    ai dettagli
    che il reale
    ci sbatte in faccia
    senza complimenti
    e farne dono.

  2. Vi scopro oggi…e con grandissimo piacere…colpita dall’intervento su truffaut…non banale e finalmente privo della solita inutile profusione di parole stile radical chic, che si appropria di artisti e letterati e li fa diventare alla moda, ha la bocca piena di ‘nouvelle vague’ e poche parole francesi, ne ignora stile e poetica, ma se ne professa grande esperto…
    Ottimo contributo e, soprattutto, originale…

  3. Mi scuso di postare qui un appunto alla recente discussione su di me nel post di @Gilda Policastro

    Mi riferisco alla sua frase, estremamente dura e francamente eccessiva, con cui la poligrafa salernitana ha apostrofato il suo interlocutore:

    «Dopo tre quattro dei suoi paragrafi mi viene il mal di mare».

    Visto che in quanto membro della redazione, l’autrice ha voluto filtrare il dibattito per evitare insulti e toni troppo aspri, credo che sia giusto che la redazione intervenga per sanzionare l’autrice.

    Non vedo perché debba prendersi la libertà di insultare i suoi interlocutori. Il suo è un gesto francamente incomprensibile, visto il tono conciliante di Lo Vetere.

    Cordialmente,
    Eugenio Montale

  4. @Policastro
    «non ho nessun contatto Fb di nome Dario Terragni, quindi se non è un fake qui, lo è lì, fra i miei cosiddetti ”amici”: in ogni caso, confermo che è disonesto»

    Signorina Policastro, la smetta di chiedere passaporti : tutti hanno il diritto di discettare sulla mia opera, lei non ha nessuna esclusiva, e l’autenticità del nome non ha alcuna valore in letteratura. Dovrebbe saperlo, gli pseudonimi nascondono spesso grandissimi scrittori. E perché poi le piace così tanto fare la poliziotta? Il suo sogno non era quello di fare la scrittrice?

  5. Vi ho scoperti !! Ho letto. Mi piacete. Penso che abbiate un sacco di belle e nuove idee. Vi seguirò di certo….però evitate le polemiche se incontrate occasioni…mi riferisco allo scambio qua sopra Policastro- Montale. Davvero non credo interessino le punzecchiature…anzi a chi legge stancano…volate alti!!…a presto!

  6. Spero ci abbiate riflettuto davvero: eliminare i commenti non serve a niente.

    fm

  7. Il vostro sito è una scoperta. Grazie!

  8. Che Balicco chiuda i commenti senza che ci sia stato turpiloquio o gravi offese, è già una cosa gratuita ed abbastanza antipatica, che poi addirittura riattivi selettivamente i commenti a seconda cosa ci sta scritto, è del tutto intollerabile.
    Credo che su roba come questa, la scelta vada ricondotta alla redazione come collettivo, che non dovrebbe lavarsene le mani.
    Se poi questo diventa un metodo sistematico utilizzato su questo blog, rinuncerò anche a questo sito e lo farò con rammarico, pur sapendo che questo rammarico non è detto che sia ricambiato.
    Come potete verificare, il mio coinvolgimento è molto relativo, quasi inesistente, ma non tollero egualmente l’arroganza, l’uso discrezionale di poteri piccoli e grandi.

  9. Mi associo alle giuste rimostranze di Cucinotta. E non dico altro.

  10. Mi dispiace se la mia proposta di chiudere la discussione sia parsa “gratuita e antipatica”; ho sbagliato, ma mi sembrava che la discussione fosse fuori tono e contesto. Il commento che si è aggiunto è stato pubblicato indipendentemente dal giudizio espresso. Non mi interessa né mi serve censurare alcunché. Non ne sono arrivati altri che sono stati scartati. Il tentativo di questa redazione è quello di creare una comunità di persone che dialogano civilmente. Sono rammaricato se il mio intervento è parso autoritario. Non era nelle mie intenzioni.

  11. Bè, già che siamo dico anche la mia. A me il pezzo di Barbara Alberti è piaciuto. E’ un pezzo di colore, scritto con umorismo e buona intuizione del personaggio. Forse, se le valutazioni e le simpatie o antipatie per Monti si fossero già depositate, sarebbe stato più naturale rispondere sullo stesso tono. Ma non è così. Mentre Berlusconi è rapidamente entrato nel suo ruolo di maschera della commedia dell’arte, Monti non è facile da incasellare, e su questo vale la pena riflettere. L’adorante piaggeria nei suoi confronti che lubrifica giornali e tv non basta a definirlo, è troppo generica, troppo prevedibile. Poi, mentre da vent’anni i politici italiani sono invariabilmente ridicoli e preumiliati, Monti non è ridicolo, perchè si sente a pelle che ha un vero potere alle spalle, e il vero potere non è mai ridicolo. Credo che proprio in questa difficoltà di inquadrare e incasellare il personaggio Monti origini la goffaggine o l’improprietà di alcuni commenti. Perchè insomma: chi è questo signore? Che cosa vuole, che cosa fa, da dove viene e dove ci porta? Morale: a parer mio faremmo bene a parlarne, bene anche dal pdv letterario, perchè questo Tale è una cosa nuova, che prepara un’Italia nuova, un nuovo template di italiano…(a me dà la crisi di rigetto, ma la qualificazione è secondaria: anzitutto, capire).
    Insomma. C’è un rodaggio-Monti da scontare. Suggerisco di pazientare, non pretendere che si trovi subito il tono giusto, e non lasciar perdere: ne vedremo delle belle, con il professore.

  12. Ho molte cose da dire, sulla storia delle donne, i talenti femminili, scritto vari saggi. Mi piacerebbe scrivere della Ortese o della Morante , nonchè di Napoli, le tre città-

  13. Mi rendo conto che il post “La memoria e lo sperpero” di Daniela Brogi è uno dei post più apprezzati su Facebook, e verosimilmente uno dei più letti, di tutto il sito, e che quindi la discussione andrebbe alimentata.
    Vista la deriva che ha preso negli ultimi tempi la discussione, però, e per il senso contrastante di vacuità e nausea che provo ogni volta che malauguratamente mi capita di cliccare su un nuovo commento (coazione da nativo digitale cui non riesco a porre freno), mi chiedo se per caso la Redazione ha pensato di intervenire in qualche modo. Personalmente, parlo solo per me, apprezzerei molto, dato l’andazzo.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.