Le parole e le cose

Letteratura e realtà

24 luglio 2015
Pubblicato da Gianluigi Simonetti
7 commenti

Chiudere un occhio. Il personaggio del cecchino nel romanzo e nel cinema d’oggi

di Ugo Fracassa abbiamo bisogno di libri che agiscono su di noi come una disgrazia che ci fa molto male […] un libro deve essere l’ascia per il mare ghiacciato dentro di noi Franz Kafka, Lettera a Oskar Pollak (1904) … Continua a leggere

18 gennaio 2015
Pubblicato da Pietro Bianchi
5 commenti

Eastwood, l’Iraq e la fine della storia

Note sulla guerra e il fuori campo di Pietro Bianchi È ancora possibile che il cinema sia capace di stupirci? Che possa farci vedere un’immagine che non abbiamo mai visto? È ancora possibile provocare il nostro sguardo e svegliarlo da … Continua a leggere

14 agosto 2014
Pubblicato da Daniele Balicco
13 commenti

Da Edipo a Telemaco: figli in cerca di padri. Intervista a Massimo Recalcati

a cura di Daniele Balicco [Dal 29 luglio all’inizio di settembre LPLC sospende la dua programmazione ordinaria. Per non lasciare soli i nostri lettori, abbiamo deciso di riproporre alcuni testi e interventi apparsi nel 2012, quando i visitatori  del nostro … Continua a leggere

24 ottobre 2013
Pubblicato da Le parole e le cose
0 commenti

Perché lo spaghetti western?

di Douglas Mortimer [Douglas Mortimer è il nome di un indimenticabile personaggio creato da Sergio Leone e interpretato da Lee Van Cleef. Ma è anche lo pseudonimo di un piccolo mucchio selvaggio di sociologi pistoleros, capitanati da Massimo Ilardi, che … Continua a leggere

22 maggio 2012
Pubblicato da Le parole e le cose
0 commenti

I confini dell’Occidente

di Massimo Mastrogregori [Presentiamo alcune pagine del nuovo libro di Massimo Mastrogregori, Breve storia dell’ideologia occidentale, uscito di recente da Marietti. Tratto da un corso di lezioni all’Università di Roma “La Sapienza”, il libro ripercorre alcuni episodi del complesso che … Continua a leggere

17 ottobre 2011
Pubblicato da Alessandra Sarchi
7 commenti

L’oscenità della morte

di Alessandra Sarchi 1. Da un po’ di tempo a questa parte morire sembra diventato un reato; a voler essere un po’ meno iperbolici, è diventato un fatto straordinario che la percezione collettiva comune ha fretta di rimuovere, o all’opposto, … Continua a leggere