Le parole e le cose

Letteratura e realtà

7 febbraio 2014
di Le parole e le cose
32 commenti

Che cos’è un classico?

di Guido Sacchi [Dieci anni fa moriva Guido Sacchi (1974-2004), critico letterario, professore di liceo, ricercatore universitario, studioso di letteratura rinascimentale e barocca. Nel 2003, per l’Associazione culturale L’Areopago di Roma, Guido Sacchi aveva progettato un ciclo di conferenze divulgative che … Continua a leggere

12 dicembre 2012
di Le parole e le cose
15 commenti

Arma virumque. Sull’insegnamento del latino e del greco nelle scuole medie superiori

di Mariangela Caprara Una mattina di fine ottobre. Interrogazione, rituale, ma non troppo, visto che in uno slancio di fiducia nelle misere forze grammaticali di una quinta ginnasio ho letto e spiegato il proemio dell’Eneide in latino. L’Eneide, comunque, la … Continua a leggere

10 dicembre 2012
di Raffaele Donnarumma
5 commenti

Dante, Maometto, l’altro

di Raffaele Donnarumma Il quanto e il quale Troppo Dante?, si chiedeva qualche giorno fa Claudio Giunta. Ma perché non (e immagino Giunta sarebbe d’accordo): quale Dante? A preoccupare è la quantità di Commedia imposta agli studenti, o l’inerzia con … Continua a leggere

4 dicembre 2012
di Le parole e le cose
7 commenti

Due brani dell'”Eneide” nella traduzione di Alessandro Fo

[È da poco uscita l’Eneide nella traduzione di Alessandro Fo, con note di Filomena Giannotti (Torino, Einaudi, 2012). Nei giorni scorsi “Le parole e le cose” ha pubblicato la recensione di Massimo Raffaeli].  Aen. IV 1-30 (L’innamoramento di Didone) At … Continua a leggere

29 novembre 2012
di Massimo Raffaeli
4 commenti

L’Eneide di Alessandro Fo

di Massimo Raffaeli [Questo articolo è uscito su «Alias-il manifesto»]. Non è consueto che un poeta oggi si misuri con un autore classico come non è consueto si dedichi a un poema che esige il corpo a corpo assoluto e … Continua a leggere

2 novembre 2011
di Franco Buffoni
5 commenti

Allen Mandelbaum (1926-2011)

di Franco Buffoni Lucky the poets of old; for half their work was done for them: all would applaud when they named placet or herpes or gods. Proper names are an-sich poetic, but now there is hardly One that a … Continua a leggere