Il secessionista

di Fabrizio Bajec And it’s end love, the sky is falling OK GO   Tony non aveva risposto all’invito fattogli via what’s up dalle sue compagne di gruppo. Dovevano preparare insieme la presentazione orale del venerdì e incontrarsi per questo in biblioteca o in un caffè. La mattina di quel venerdì

Continua a leggere

Gesti sportivi/5. Sport operaio, sport rosso negli anni Trenta in Francia

di Marion Fontaine [Marion Fontaine è docente di storia all'università di Avignone; le sue ricerche si incentrano sulla storia sociale, la politica del calcio e quella dello spettacolo sportivo. A inizio maggio è stata in Italia ospite del ciclo Prospettive Critiche dell'Institut français Italia (il programma: pc2016.institutfrancais.it): presentiamo qui un suo intervento tradotto

Continua a leggere

Uccisori e uccisi

di Francesco Pecoraro Ragazzi arabi con poca istruzione, senza soldi e senza lavoro o con un lavoro di merda, ragazzi schizofrenizzati dal conflitto tra cultura di provenienza e cultura di approdo, dove pure sono nati e di cui parlano perfettamente la lingua, cultura di cui hanno studiato almeno gli elementi essenziali,

Continua a leggere

Radicalizzazione

Intervista a Farhad Khosrokhavar, a cura di Marc Semo [Farhad Khosrokhavar insegna all’ École des Hautes Études en Sciences Sociales a Parigi. Ha scritto, fra le altre cose, dei saggi sui movimenti islamici radicali (Les Nouveaux Martyrs d’Allah, Flammarion 2002; Quand Al Qaïda parle: témoignages derrière les ornarreaux, Grasset 2006; Radicalisation, Maison des

Continua a leggere

Cinema e politica: Timbuktu

di Emiliano Morreale [Questo articolo è uscito sul Sole 24 ore] Tra le possibilità del cinema c'è quella di farci vedere, incarnate in corpi e in luoghi, storie che l'informazione ci porta solo come echi lontani. Così, dopo aver visto Timbuktu di Abderrahmane Sissako, sarà difficile dimenticare la guerra civile nel Mali,

Continua a leggere

Il secondo comandamento

di Raffaele Alberto Ventura [Di ritorno dalla gigantesca processione parigina per le vittime degli attentati di questa settimana, provo a dire alcune cose che mi sembrano importanti: per il futuro, poiché il passato non si può cambiare] «Avete voluto uccidere Charlie ma lo avete reso immortale»: eccolo qua, riassunto in uno

Continua a leggere