Per Carlo Bordini

di Gilda Policastro   [E' morto oggi Carlo Bordini (1938-2020), uno degli scrittori più importanti del secondo Novecento e dei primi decenni del Duemila. Bordini era di casa in Le parole e le cose: Guido Mazzoni, autore di un saggio importante che introduce Difesa berlinese (Luca Sossella Editore, 2018), ha pubblicato

Continua a leggere

In chat con Suor Serena

di Gilda Policastro   Esuli, rubrica a cura di Gilda Policastro   Un amico mi parla di Suor Serena mentre sono sotto attacco gerd (il disturbo gastroenterologico noto volgarmente come “reflusso”). Mi dice che Suor Serena si è curata con le erbe e la medicina cinese, che può sicuramente darmi

Continua a leggere

L’accelerazione

di Igino Domanin   La notte del 2 gennaio 2020, sono finito in un pronto soccorso. Mi diagnosticano una fibrillazione atriale in corso. Per la prima volta riconosco l'esistenza del cuore, la sua attività e la sua minaccia. Ho perso il controllo, il muscolo ora si contrae e si espande,

Continua a leggere

Conversazione con Aldo Nove

di Gilda Policastro   Esuli, rubrica a cura di Gilda Policastro   Ai più pigri piace ricordarlo come scrittore “pulp” o “cannibale”, ma Enrico Ghezzi lo aveva definito, anni fa, un “lirico sublime”: Aldo Nove era appena tornato in libreria, poco prima dell’emergenza pandemica, con una nuova raccolta, Poemetti della

Continua a leggere

Le parole nuove di Arbasino

di Gilda Policastro   Quello che le ultime generazioni di scrittori, compresa la mia, hanno perso del tutto, è la capacità di lanciare slogan: forse effettivamente un retaggio degli anni Sessanta, più politici, ideologici, in fermento. Se ripensiamo a tutti gli scrittori di quella stagione, e non solo dell’avanguardia, li

Continua a leggere

New Italian Performance

di Gilda Policastro   Grotowsky indentificava il performer ora con un sacerdote ora con un guerriero: la performance è un rito, aggiungeva, e solo nelle sue degenerazioni diventa uno show. Sottolineando, poi, l’aspetto maieutico e ancestrale di questa ritualità, volta non alla scoperta del nuovo, ma piuttosto del “dimenticato”. Negli

Continua a leggere