Il Tjöruhúsid, prima di morire

di Claudio Giunta Se proprio bisogna trovargli un difetto, è un po’ fuori mano. Non basta arrivare in Islanda, quattro ore di volo diretto da Milano: bisogna attraversare l’Islanda dal basso in alto, partendo da Reykjavík e arrivando a Isafjördur, nell’estremo nord-ovest (in aereo, 40 minuti; in auto è impraticabile,

Continua a leggere

La brandizzazione dell’Islanda

di Claudio Giunta Spero e credo che il Caso Islanda venga già ora studiato nei corsi di marketing, economia del turismo, scienze della comunicazione, perché è difficile immaginare un prodotto che nell’arco di così poco tempo – meno di un decennio – sia passato così trionfalmente dalla mini-nicchia al mainstream senza

Continua a leggere

Tutta la solitudine che meritate

di Claudio Giunta [Questo è l’inizio del reportage di Giovanna Silva (foto) e mio (testo) Tutta la solitudine che meritate. Viaggio in Islanda (edizioni Quodlibet Humboldt). Qui si trova altro materiale sul viaggio + fotografie (meravigliose, devo dire con la massima obiettività) dell’Islanda]. Decollando da Malpensa abbiamo visto la fila infinita dei TIR

Continua a leggere

Non esistono paesi allegorici

di Claudio Giunta Ero a Reykjavík nel 2008, nei primi momenti del primo atto della Bancarotta Nazionale, e mi ricordo bene dei cortei di protesta davanti al parlamento, i cortei contro i banchieri ladri e i politici distratti o collusi che li avevano lasciati rubare. Solo che non erano cortei

Continua a leggere