L’Europa dopo il 13 novembre

di Mauro Piras L’esperienza dovrebbe servire ad apprendere, cioè a metterci in contatto con la realtà. Quello che le nostre conoscenze anticipano, nel reale, viene messo alla prova da esperienze che non vi rientrano. Che non possono essere anticipate. L’ordine in cui viviamo è garantito e riprodotto dagli strati di

Continua a leggere

L’utopia di Houellebecq

di Lorenzo Marchese A mente appena più fredda, provo a riflettere sull’ultimo romanzo di Houellebecq come se la sua ricezione non fosse stata irrimediabilmente predisposta, per l'effetto dei media, dall’attentato terroristico ai redattori di Charlie Hebdo il 7 gennaio 2015. Attraversare Sottomissione cercando un po’ oltre la cortina provocatoria e

Continua a leggere

Il secondo comandamento

di Raffaele Alberto Ventura [Di ritorno dalla gigantesca processione parigina per le vittime degli attentati di questa settimana, provo a dire alcune cose che mi sembrano importanti: per il futuro, poiché il passato non si può cambiare] «Avete voluto uccidere Charlie ma lo avete reso immortale»: eccolo qua, riassunto in uno

Continua a leggere