Le parole e le cose

Letteratura e realtà

15 febbraio 2017
Pubblicato da Le parole e le cose
3 commenti

Giocare di sponda nella lingua del sogno. Come tradurre il Finnegans Wake

di Fabio Pedone e Enrico Terrinoni [È da poco uscita negli Oscar Mondadori la traduzione del Finnegans Wake (libro III, capitoli 1-2) di Joyce, a cura di Enrico Terrinoni e Fabio Pedone. Una versione più breve di questo intervento è … Continua a leggere

12 gennaio 2017
Pubblicato da Le parole e le cose
3 commenti

Giovanni Giudici narratore

di Lorenzo Marchese  [Oggi alle 17, presso l’Accademia Lunigianese di Scienze “Giovanni Capellini” della Spezia, Carlo Ossola presenta Giovanni Giudici. I versi e la vita (2016). Il volume raccoglie gli Atti del Convegno tenutosi alla Spezia il 13 settembre 2013, … Continua a leggere

27 ottobre 2016
Pubblicato da Le parole e le cose
0 commenti

Il filo del racconto. Da Mark Twain a Roberto Bolaño

di Walter Nardon [Walter Nardon ha da poco pubblicato un saggio di teoria del romanzo intitolato L’illusione e l’evidenza. Saggi sull’avventura romanzesca (Mimesis). Questo è uno dei capitoli]. 1 Come raccontare una storia di Mark Twain (1899) è uno dei saggi … Continua a leggere

4 ottobre 2016
Pubblicato da Niccolò Scaffai
1 commento

Narrare attraverso l’infanzia. Un bene al mondo di Andrea Bajani

di Niccolò Scaffai [Questo intervento è uscito su «Alias»] Narrare attraverso l’infanzia è come ridurre il mondo all’assurdo: non serve a spiegare il perché delle cose, ma a mostrarne l’essenza mettendola di fronte all’impossibile, all’immagine paradossale in cui l’esperienza può riflettersi. … Continua a leggere

28 settembre 2016
Pubblicato da Le parole e le cose
0 commenti

Il senso della fine nelle narrazioni contemporanee

a cura di Francesco de Cristofaro, Carmen Gallo, Flavia Gherardi La terza edizione del Laboratorio Malatestiano, che si terrà a Santarcangelo di Romagna il 30 settembre e 1 ottobre, muove da una proposta teorica che quest’anno compie mezzo secolo: quella di … Continua a leggere

14 luglio 2016
Pubblicato da Le parole e le cose
0 commenti

La carta del tempo. Estratti dal diario di Jules Flegmon

di Marcel Aymé, traduzione di Carlo Mazza Galanti [È uscito in questi giorni per L’orma editore Martin il romanziere. Contiene alcune delle migliori novelle di Marcel Aymé (1902-1967) scelte e tradotte da Carlo Mazza Galanti. La selezione ha privilegiato uno degli elementi più … Continua a leggere

1 luglio 2016
Pubblicato da Le parole e le cose
10 commenti

Osservare e dire le vite altrui: breve introduzione alla biofiction

di Marco Mongelli Fatti e personaggi sono come li ho riportati, cambiano i nomi. Questo per quanto riguarda la vita pubblica. Mentre la privata, coi suoi sogni e gli incubi, è priva di fonti. Come al solito è nuda. (Davide Orecchio, … Continua a leggere

12 febbraio 2016
Pubblicato da Gianluigi Simonetti
0 commenti

Su Euridice aveva un cane di Michele Mari

di Carlo Mazza Galanti [È da poco uscita una nuova edizione di Euridice aveva un cane (Einaudi) di Michele Mari] Dei diciotto racconti (scritti prevalentemente tra il 1989 e il 1992) compresi nel quarto libro di Michele Mari, la traccia di … Continua a leggere

11 agosto 2015
Pubblicato da Gianluigi Simonetti
1 commento

Come e cosa desidera la narrativa italiana degli anni Zero /2

di Gianluigi Simonetti [LPLC si prende una pausa estiva; la programmazione ordinaria riprenderà a settembre. Per non lasciare soli i nostri lettori ripubblichiamo alcuni testi usciti nel 2013. Questo saggio, apparso in una versione più lunga e completa su Between, III.5 … Continua a leggere

4 febbraio 2015
Pubblicato da Le parole e le cose
12 commenti

Da Fiaba d’amore agli Increati. Intervista a Antonio Moresco

a cura di Vanni Santoni [Una parte di questa intervista è uscita sul dorso toscano del «Corriere della Sera». Ho ritenuto opportuno, in questa versione integrale, rimuovere le domande onde lasciare maggior forza e organicità al flusso delle risposte (Vanni … Continua a leggere