cropped-Atomium.jpgplaylist di Maria Borio

Tame impala, Runway, Houses, Cities, Clouds (Innerspeaker, 2010)

C Duncan, Say (Say, 2014)

Antony and the Johnsons, Bird Gerhl (I am a Bird Now, 2005)

Years & Years, The Whale (The Dish and the Spoon, soundtrack, 2011)

The Tender Trap, Sweet Disposition (Conditions, 2008)

 

[Immagine: Atomium, Bruxelles (mb)]

10 thoughts on “Lo spazio non è più postmoderno

  1. Neanche il suono è più postmoderno. Tornano in pista i Beatles e il canto gregoriano. Cool

  2. Credo che in realtà le vere cose in musica che hanno avuto a che fare col postmoderno e che sono invecchiate o stanno mostrando la corda siano (anche se l’elenco è ridotto e riduttivo e tutto il resto e io non sono un oracolo)

    L’industriale dai Throbbing Gristle ai Nine Inch Nails e l’electro metal anni ’90 con suoni da cementificio
    Elettronica minimale
    Aphex Twin e simili
    Non musicisti che fanno rumore e mettono basi registrate e vanno di computer con urla
    La Dj culture tipo Ninja Tunes con finti musicisti che premono bottoni
    Il progressive, specie italiano, due palle…
    I Pink Floyd di Ummagumma e Dark Side of The Moon (Basta!!!!!!)
    I gruppi crucchi come Kraftwerk NEU! e CAN
    il dark in genere o il goth o come lo si vuole chiamare
    la musica minimale tipo Philip Glass
    John Cage
    Laurie Anderson e i suoi “esperimenti”
    Metal Machine Music di Lou Reed
    Le non canzoni triturate da Scott Walker (che adoro)
    il non metal da paesi assurdi (Italia)
    L’Hip Hop italiano con testi da handicapaci
    il rock italiano che non è di questa terra e mai lo sarà, non li nomino
    Il GRUNGE e tutto quello che ha figliato
    Crossover Rap Metal (RATM, KORN etc etc etc)
    Il reggaeton
    Il reggae dub da dancehall per fumati
    David Bowie trilogia berlinese con Eno
    Brian Eno, ecco lui su tutti
    Devo
    Ultravox
    molto degli anni 80
    I rumoristi stile nipponico come Merzbow
    I rumoristi e basta
    etc
    etc
    etc

  3. https://www.youtube.com/watch?v=qxaPj19VnRA

    più che altro credo si debba ripassare roba come questa che ha tutto del postmoderno ed era davvero popolare (milioni di dischi non 5) e univa ritmi ballabili a mostruose distorsioni. Non Queen o venticelli. Fanciulli genuflettetevi e Just ONE FIX!

    https://www.youtube.com/watch?v=XYYGKCanqfA

    o Metal Machine Music. Non parlate a sproposito acciderboli o il grande rumorista risorge e vi tira i piedi di notte.

  4. e dimenticavo questo altro genere non genere nato a cavallo tra i 70 e gli 80

    Gli INXS? Mah, credo che si debbano ascoltare più cose e oggi si può

    sul serio

    c’è una cosa MODERNA chiamata WEB

  5. Grazie per avermi fatto riascoltare gli Antony and the Johnson. Mi sento d’accordo con il messaggio, Maria. Complimenti @Barbieri per l’enciclopedia sugli anni Ottanta

  6. Rosalba no non solo 80, no
    ma grazie lo stesso
    e anche questo mancava

    ah: Antony adesso si fa chiamare Anhony, credo soffra di manie di grandezza

    aggiungo altro video sul tema trattato
    vietato ai minori di 18 anni, ma nessuna volgarità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *