di Andrea Longega

 

[E’ appena uscito per Le Lettere, nella collana Novecento/Duemila a cura di Diego Bertelli e Raoul Bruni, Caterina (come le cóe dei cardelini), il nuovo libro di Andrea Longega (prefazione di Edoardo Zuccato). Ne presentiamo alcuni testi].

 

MÈGIO DIRLO SUBITO

 

 

Cʼera un prestigio (il nostro) da salvare

e Hedia, la fedele, lʼaveva fatto.

EUGENIO MONTALE        

                        

 

Ela araba, mi

venessiana da Castelo

ela dal nome misterioso, mi

una dal nome come tanti

ela fedelissima, mi traditora

ela niente poʼ poʼ de manco

che al Danieli, e mi qua

 

ma staltro un premio Nobel

questo… uno che scrive

come che parla le vecie

al banco del marcà.

 

MEGLIO DIRLO SUBITO   Lei araba, io / veneziana da Castello / lei dal nome misterioso, io / una dal nome come tanti / lei fedelissima, io traditrice / lei niente poʼ poʼ di meno / che al Danieli, e io qua // ma lʼaltro un premio Nobel / questo… uno che scrive / come parlano le vecchie / al banco del mercato.

 

 

I

 

 

Senti che spussa, se capisse subito

che qua dentro ga dormìo

un omo solo –

ga da esser sta quelo

longo e séco che go incrosà

in sima de le scale. Co i omeni xe soli

no i se cambia, i se lava poco,

la docia xe suta – na roba de manco

da netàr – i saóni xe ʼncora incartài,

i sugamani grandi piegai.

 

Se capisse subito se un omo

xe solo da sempre: co ʼl se sistema

in un lèto a do piasse come questo

no ʼl se snànara ben dapartuto

butando a reméngo le covèrte

ma ʼl se tien ben stréto

tuto da na parte

quasi el dormisse ʼncora

in quel lèto picolo

che ʼl gaveva da putèlo.

 

Senti che puzza, si capisce subito / che qua dentro ha dormito / un uomo solo – / deve essere stato quello / alto e magro che ho incrociato / in cima alle scale. Quando gli uomini sono soli / non si cambiano, si lavano poco, / la doccia è asciutta – una cosa in meno / da lavare – i saponi sono ancora incartati, / gli asciugamani grandi piegati. // Si capisce subito se un uomo / è solo da sempre: quando si sistema / in un letto a due piazze come questo / non vi si abbandona / mettendo sottosopra le coperte / ma si tiene ben stretto / tutto da una parte / quasi dormisse ancora / in quel letto piccolo / che aveva da bambino.

 

 

IX

 

 

Le dura un giorno le fìe nove

che vien a lavorar da nuialtri –

tute le volte mi e la Bianca

se fassémo de mòto, se disémo: varda!

 

Le ga óngie perfète lónghe pituràe

óngie finte, tacàe sóra de quele vere

óngie cussì – cara mia

gnanca quele de la television!

 

Durano un giorno le ragazze nuove / che vengono a lavorare da noi – / tutte le volte io e Bianca / ci facciamo un cenno, ci diciamo: guarda! // Hanno unghie perfette lunghe dipinte / unghie finte, incollate sopra quelle vere / unghie così – cara mia / neanche quelle alla televisione!

 

 

XIV

 

 

ʼPena entrada lo go visto subito

abandonà sul divanéto –

me so fata coragio e lo go stréto

un fià tra le man – da tanto

lezièro el me xe sbrissà

el me xe sbrissà via…

 

La vedo ieri sera su qualche terassa

la nòte dei fòghi del Redentor

co indosso sta séda

sta gran maravégia…

 

Signore beate, fortunàe

che ga vestiti beli

come le gole dei colombi

e le cóe dei cardelini.

 

 

Appena entrata lʼho visto subito / abbandonato sul divanetto – / mi sono fatta coraggio e lʼho stretto / un poʼ tra le mani – era così / leggero che mi è scivolato / mi è scivolato via… / La vedo ieri sera su qualche terrazza / la notte dei fuochi del Redentore / con addosso questa seta / questa grande meraviglia… / Signore beate, fortunate / che hanno vestiti belli / come le gole dei colombi / e le code dei cardellini.

 

 

XV

 

 

La zénte no varda mai

sóto i lèti dei alberghi

ghe basta trovar

la caramèla sóra del cussìn

ma se i vardasse ben sóto

i trovarìa tanti

ma tanti de queli mamài!

 

La gente non guarda mai / sotto i letti degli alberghi / gli basta trovare / la caramella sopra il cuscino / ma se guardassero ben sotto / troverebbero tanto / ma tanto di quel laniccio!

 

 

XVI

 

 

Lo indovino subito

quando in un lèto

i ga fato ʼl amor

parché prima de ʼndar via

a quel lèto i tenta de darghe

la forma che i crede natural –

i tira su le covèrte

solo da na parte

i passa na man sui niziòli

i sistema i cussini

ma no i li drissa del tuto

no – solo un fià

e i fa questo pensando

che la dona de le càmare

ghe possa cascar –

no i capisse invense che ela

cussì – vede mègio el pecà.

 

Indovino subito / quando in un letto / hanno fatto lʼamore / perché prima di andare via / a quel letto cercano di dare / la forma che credono naturale – / tirano su le coperte / solo da un lato / passano la mano sulle lenzuola / risistemano i cuscini / ma non li raddrizzano del tutto / no – solo un poʼ / e lo fanno pensando / che la cameriera / ci possa cascare – / non capiscono invece che lei / così – vede meglio il peccato.

 

 

XIX

 

 

La zénte da le càmare dei alberghi

se porta via de tuto: saóni e sugamani

savàte, el corno de le scarpe, la carta

da létere – come se ʼncora

qualchidun scrivesse – ma ieri

go fato fadìga a créderghe, xe sparìa

na tenda damascada.

 

 

La gente dalle camere dʼalbergo / porta via di tutto: saponi e asciugamani / pantofole, lʼinfilascarpe, la carta / da lettere – come se ancora / qualcuno scrivesse – ma ieri / ho fatto fatica a crederci, è sparita / una tenda damascata.

 

 

XX

 

 

La porta via tanto la zénte

ma anca tanto la se desméntega,

i omeni de più – camìse

picàe dentro dei armadi, baréte

incastrae ne le sfése de le poltrone

e i putèli – pessecani de goma

in mezo dei nizioli, trenini de legno

sóto dei leti – le done, invense,

lore, no se desméntega mai niente –

solo na matina go trovà un anelin

gnanca bruto, un anelin col brilante

in fondo de la cassèla de un comò –

che subito tuti quanti dabasso i voleva

ciamàr el cliente, subito i se ga messo

a sercàr el nùmaro – ma no, no ghe go dito

scoltéme, scoltéme mi, quel anelin

la signora, no ʼl se lo ga desmentegà…

 

Porta via tanto la gente / ma dimentica anche tanto, / gli uomini di più – camicie / appese dentro gli armadi, berretti / incastrati nelle fessure delle poltrone / e i bambini – pescecani di gomma / in mezzo alle lenzuola, trenini di legno / sotto i letti – le donne, invece / loro, non dimenticano mai niente – / solo una mattina ho trovato un anellino / neanche brutto, un anellino col brillante / in fondo al cassetto di un comò – / che subito tutti quanti dabbasso volevano / chiamare il cliente, subito si sono messi / a cercare il numero – ma no, no gli ho detto / ascoltate, ascoltate me, quellʼanellino / la signora, non se lʼè dimenticato…

 

 

XXII

 

 

So mi che bùto i sugamani in tera

e che dopo i rancùro –

so mi che me lagno se a le sinque

el lèto ʼncora no xe fato

e sempre mi che dopo lo rifasso

 

parché xe cussì tanti i ani ormai

che go passà a far servissi

che de sera, co torno casa

– tanto par aver anca mi

un fià de spasso – prima de far

da novo la serva, fasso almanco

un fià la paróna.

 

Sono io che butto gli asciugamani per terra / e che dopo li raccolgo – / sono io a lamentarmi se alle cinque / il letto ancora non è fatto / e sempre io che dopo lo rifaccio // perché sono così tanti gli anni ormai / che ho passato a  servizio / che di sera, quando torno a casa / – tanto per avere anchʼio / un poʼ di divertimento – prima di fare / di nuovo la serva, faccio almeno / un poʼ la padrona.

 

 

XXIV

 

 

Dal magazén in cale

fin su, al primo pian

strassinando quel stramasso

come do fachìne –

 

fie, se ve serve un omo

destirà là in mezo

ciaméme!

 

basta – doman me licensio.

 

Dal magazzino in calle / fin su, al primo piano / trascinando quel materasso / come due facchine – // ragazze, se vi serve un uomo / disteso là in mezzo / chiamatemi! –  // basta – domani mi licenzio.

 

1 thought on “Caterina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *