cropped-Johannes-Zeiler-in-Faust.jpg

di Luca Zenobi

[Il mito di Faust dalla tradizione orale al post-pop (Carocci 2013) di Luca Zenobi ripercorre le tappe fondamentali del mito di Faust dalle origini ai giorni nostri. Questo è un estratto dell’introduzione.]

Lessing per primo, pur non conoscendo il dramma di Marlowe che già nel titolo della sua opera [The tragical History of Doctor Faustus] aveva messo in luce la dimensione tragica del personaggio, ravvisa intuitivamente la statura drammatica di Faust, la sua natura teatrale “inglese”, ovvero shakespeariana, borghese, nazionale, popolare, che ne avrebbe fatto un soggetto ideale per la rinascita della cultura tedesca. Se la crisi del sapere scolastico e della tradizione umanistica è alla base del dramma della conoscenza – elaborato in chiave negativa, come monito contro una hybris priva di limiti e irrispettosa dell’autorità divina, dai rappresentanti della Riforma luterana, in chiave di spinta progressista dagli illuministi e dagli stürmeriani –, la riflessione sull’arte come fenomeno della decadenza allargata al problematico rapporto fra Kultur e Zivilisation, l’indagine sulla istintualità più oscura dell’uomo e su un processo regressivo che pare inevitabile per la Germania, la spietata rappresentazione di una intera epoca travestita «nella storia di una vita di artista, molto precaria e peccaminosa» (Th. Mann, 1972, p. 89) diventano i motivi centrali della rielaborazione del mito faustiano nel XX secolo. E non è un caso che, nel rifondare totalmente questo mito facendone al contempo l’opera di una vita e un’«opera Mondo» (Moretti, 1994), Goethe reinventi l’alleanza con il demonio non più nei termini di un patto, bensì in quelli di una scommessa. Una doppia scommessa, prima fra Dio e Mefistofele e poi fra quest’ultimo e Faust: non siamo più di fronte all’oscuro, medievale atto di sottomissione alle potenze del male in cambio dell’acquisizione di poteri magici in grado di procurare piaceri e ricchezze di ogni sorta. Ci troviamo invece alle prese con una sfida, la più radicale che l’uomo moderno possa concepire e che si realizza in un vero e proprio rovesciamento della leggenda popolare.

È Faust che propone a Mefistofele la scommessa – «E che vuoi darmi, povero diavolo?» (v. 1675) –, è l’uomo moderno che sfida le potenze demoniche a trovare il modo di cristallizzare in una forma stabile le dinamiche di una realtà sempre più sfuggente e a costruire una rinnovata pienezza armonica che sappia colmare quel vuoto esistenziale generato dalla perdita di unità originaria tra l’individuo e la natura. Inoltre, fattore di differenza decisivo rispetto alla tradizione, non si tratta più di un patto “a tempo”. Faust è disposto a morire anche subito e ad appartenere per l’eternità al diavolo se questo sarà in grado di persuaderlo a dire all’attimo: «Ma rimani! Tu sei cosi bello!» (v. 1700), se Mefistofele sarà capace di ingannarlo attraverso il piacere, inducendolo anche solo per un brevissimo momento a interrompere la sua incessante rincorsa verso una dimensione assoluta e inattingibile. Vengono evidentemente alla luce i caratteri di una speculazione filosofica, di una riflessione antropologica che assume una particolare pregnanza nella cultura tedesca, ma al contempo è il mito stesso di Faust che permea in maniera decisiva questo tipo di riflessione; il movimento è senz’altro bidirezionale, se si tiene conto di come la figura del dottor Faust sia diventata il paradigma di una vera e propria norma di vita, tanto che si può parlare di faustismo o persino di faustismi che attraversano periodi diversi della storia tedesca e dell’umanità, in un processo che si è gradualmente allontanato dalla fonte letteraria – una rimozione della natura tragica del personaggio goethiano, delle sue colpe – falsificando in senso nazionale, ideologico, propagandistico la figura di Faust e il suo rapporto con la realtà; un processo di ideologizzazione di cui è rimasta inevitabilmente vittima la poesia (Schwerte, 1962, pp. 7-12).

Si delinea, a partire da Goethe, che pure si muove sulle orme di una tradizione già consolidata, un costrutto tipologico-ideale all’interno del quale rientra la figura mitologica e letteraria e che, per contro, essa stessa contribuisce a creare; una costellazione che ancora struttura la nostra coscienza contemporanea (Kaiser, 1998, p. 31). La Stoffgeschichte, l’insieme degli elementi letterari e culturali di cui il mito si nutre e grazie ai quali si fonda come mito, diviene Geistesgeschichte, storia dello spirito di una nazione (Dedeyan, 1955, vol. I, p. 2; qui il termine è inteso, come sottolinea anche de Man, 1957, p. 389, più che altro come storia delle idee). Il testo goethiano, «ambiguo e complesso», diviene addirittura la «pietra di paragone» capace di mettere in luce virtù e insufficienze delle diverse metodologie critiche che con esso si sono misurate (de Man, 1957, p. 388). Senza addentrarsi ulteriormente nel dibattito sulla definizione di tema e sui suoi rapporti con il mito e con la storia, ci si può attenere ancora alle considerazioni di Paul de Man relative ai problemi della critica tematica di fronte al Faust: l’elogio dell’impianto metodologico di autori quali Curtius, Auerbach, Cassirer, Lukács, Hazard, Beguin, Praz, critici che hanno tentato di definire alcune problematiche di cui i temi narrativi sono «emanazioni formali», ha come sbocco l’idea della storia dei temi come «esito necessario» (ivi, p. 393) della storia delle idee e non come preambolo ad essa. In quella fase dunque, che potremmo far partire dalla Riforma per concludersi poi a metà Novecento, il mito in questione è indissolubilmente legato alla Germania e alla sua storia, per ragioni cui abbiamo accennato.

È lecito domandarsi se, con la fine di questo periodo, debba essere decretata anche la fine di Faust, insomma se il patto con il demonio – sia esso inteso come forza magica e soprannaturale o, al contrario, come elemento eminentemente umano – debba essere necessariamente espressione di una dimensione antropologica, e quindi culturale e simbolica tipicamente nordeuropea, che ha smesso di esistere con la fine della modernità (la scelta del regista Terry Gilliam di ambientare la sua messinscena della Damnation de Faust di Hector Berlioz nella Germania degli anni venti mostra quanto forte sia ancora oggi l’“impronta” germanica di questo mito; cfr. infra, cap. 8). Davvero Faust è morto come qualcuno ha sentenziato in tempi recenti, o non ha più ragione di esistere nella dimensione globalizzata, post-moderna, in cui un mito segnato nel suo sviluppo da un carattere così fortemente nazionale sembra aver perso la pregnanza e la centralità possedute in epoche passate? Klaus L. Berghahn, richiamandosi a considerazioni sul mito di André Jolles e Hans Blumenberg, nonché alla categorica dichiarazione di morte di Faust da parte di Günther Anders (1956), si esprime in termini piuttosto definitivi:

Comunque questo nuovo lavoro sul mito di Faust non continua e non può continuare ad infinitum. […] Un mito può anche essere portato a una conclusione. Per il mito di Faust, questo è sicuramente accaduto in questo secolo. […] Il mito di Faust, di certo come mito tedesco ha fatto il suo tempo in quanto simbolo del periodo tedesco più alto e più oscuro (Berghahn, 2008, p. 169).

Già il Nietzsche delle Unzeitgemässe Betrachtungen (Considerazioni inattuali, 1873-76), in particolare nel terzo di questi scritti, Schopenhauer als Erzieher (Schopenhauer come educatore, 1874), nell’esaltare le qualità di figura guida del filosofo di Danzica, gli contrapponeva proprio l’uomo goethiano, e nello specifico Faust, quale espressione tipicamente germanica di un’incapacità di agire: l’uomo inizialmente concepito come «Weltbefreier» («liberatore del mondo») si trasforma in un semplice «Weltreisender» («uno che viaggia per il mondo»: Nietzsche, 1976, p. 395), incapace di penetrare la realtà, che osserva soltanto nell’inesauribile metamorfosi della sua superficie. Alla figura di Faust, prodotto della Bildung tedesca, sarebbe dunque connaturata quella dimensione filistea, quella totale mancanza di attitudine alla vita, di «selvatichezza naturale» e di «vigore muscolare» (ivi, p. 396) che, nella visione nietzscheana, sono necessari a conquistare la vera essenza, la reale pienezza dell’esistenza. Colui che è animato da un daimon inesauribile, da uno Streben che lo induce a non trovare mai soddisfazione nella realizzazione di un desiderio, che salta da un’aspirazione all’altra per trovare motivazioni al proprio essere, ha in sé i germi di una staticità esistenziale votata all’interiorizzazione di qualsiasi energia spirituale e incapace di tradursi in azione. Per Nietzsche tutto questo costituisce la rappresentazione simbolica della forma più alta e della dimensione più oscura dell’anima tedesca nella fase storico-culturale che abbiamo delimitato. «Non sarei Faust se non fossi tedesco!» afferma il Faust di Christian Dietrich Grabbe (1986, p. 33, Faust und Don Juan, 1828), protagonista di uno di quei tanti passaggi in cui l’identificazione fra lo spirito germanico – con una evidente e forte connotazione protestante – e la figura di Faust procede lentamente, ma inesorabilmente, verso una dimensione che coinvolge la cultura occidentale nel suo complesso.

Per Oswald Spengler è l’intera civiltà europea occidentale a essere faustiana in opposizione alla civiltà greco-romana definita apollinea. Nel cap. III del vol. I di Untergang des Abendlandes (Il tramonto dell’Occidente, 1918-22), Spengler dedica un paragrafo all’Anima apollinea, anima faustiana, anima magica, in cui la dicotomia nietzscheana di apollineo e dionisiaco viene rielaborata nel tentativo di delineare una morfologia della civiltà occidentale e della sua storia. Tutto ciò che è dinamico e speculativo, tutto ciò che è connotato da impazienza e soggetto a restrizioni, il rigetto per ogni forma di routine, la romantica brama verso qualcosa di inattingibile e indefinibile, l’impulso verso la profondità che si è proteso «al di là da qualsiasi limite della sensibilità otticamente condizionata» (Spengler, 1957, p. 320) sono i caratteri perspicui di una civiltà dotata di senso storico, basata non più sull’Erleben (vivere) bensì sull’Erkennen (conoscere). Il tramonto dell’Occidente – in cui già si sancisce in maniera apodittica la fine definitiva della grande tragedia faustiana, anche nella sua forma più tarda, quella tedesca (ivi, p. 504) – è l’esempio forse più evidente di quel processo in cui il mito di Faust finisce col perdere il suo legame diretto con la vicenda letteraria-popolare del dottor Faust per assurgere a immagine delle più diverse manifestazioni della cultura occidentale (Smeed, 1975, p. 29), se non addirittura di un inconscio collettivo plasmato in maniera indelebile dallo spirito tedesco:

E cos’è Faust? Faust è un simbolo, non soltanto un richiamo semiotico o un’allegoria di una realtà nota da tempo, bensì l’espressione di una forma vivente che opera profondamente nell’anima tedesca, alla cui nascita Goethe doveva contribuire. È pensabile che un non-tedesco avrebbe potuto scrivere il Faust o Così parlo Zarathustra? Entrambi toccano una stessa realtà, una realtà che vibra nell’anima tedesca, un’immagine primigenia (Jung, 1979, p. 78).

Fino ai tempi più recenti, in cui per analizzare l’influsso delle nuove tecnologie, e in particolare della televisione, sullo sviluppo della società, il sociologo Neil Postman fa riferimento proprio a un patto faustiano, alludendo alla doppia valenza – creatrice e distruttiva – insita nella hybris che istiga a stipulare l’accordo con le potenze infere e al suo carattere che sempre induce a contrapposizioni polari:

Dopotutto, chiunque abbia studiato la storia della tecnologia, sa che la rivoluzione tecnologica è sempre un patto faustiano: la tecnologia da e la tecnologia prende, e non sempre nella stessa misura. Una nuova tecnologia talvolta crea più di quanto distrugga. Talvolta distrugge più di quanto crei. Ma non è mai unidirezionale. […] la rivoluzione tecnologica, in altre parole, determina sempre vincitori e vinti (Postman, 1990).

Il romanzo di Thomas Mann, che in epoca moderna recupera e rielabora l’originaria leggenda faustiana nella rappresentazione di un artista geniale e della sua crisi, pare davvero chiudere un ciclo o quanto meno un rapporto di intima e profonda interazione tra il mito di Faust e la Germania. Con l’avvento del post-moderno, di una «societa liquida» (Bauman, 2012a, 2012b, 2012c), la leggenda del patto/scommessa con le forze infere potrebbe aver perso la forza simbolica e il valore archetipico che ogni mito possiede. Klaus L. Berghahn che, come accennato sopra, scrive in maniera apparentemente apodittica e definitiva l’epitaffio di Faust, chiude il suo saggio con un’affermazione che si presta invece a essere utilizzata come epigrafe per un percorso ancora tutto da sondare: «E tuttavia, se ci fosse ancora qualcosa da dire?» (Berghahn, 2008, p. 169).

Nota bibliografica:

– Goethe, J. W. (1990), Faust, introduzione, traduzione con testo a fronte e note a cura di F. Fortini, 2 voll., Mondadori, Milano (nel testo citato con la numerazione dei versi fra parentesi).

– Grabbe, C. D. (1986), Teatro. Don Giovanni e Faust. Annibale, traduzione e cura di E. Groppali, Costa & Nolan, Genova.

– Mann, Th. (1972), Romanzo di un romanzo. La genesi del Doctor Faustus, Il Saggiatore, Milano.

– Anders, G. (1956), Die Antiquiertheit des Menschen. Über die Seele im Zeitalter der zweiten industriellen Revolution, Beck, München.

– Bauman, Z. (2012a), Modernità liquida, Laterza, Roma-Bari.

– Id. 2012b, Vita liquida, Laterza, Roma-Bari.

– Id. 2012c, Modus Vivendi. Inferno e utopia del mondo liquido, Laterza, Roma-Bari.

– Berghahn, K. (2008), Transformation of the Faust Theme, in L. Fitzsimmons (Ed.), Lives of Faust. The Faust theme in literature and music: a reader, de Gruyter, Berlin, pp. 160-169.

– De Man, P. (1957), La Critique thématique devant la Thème de Faust, «Critique», 13 (120), pp. 387-404.

– Dédéyan, C. (1955), Le Thème de Faust dans la littérature européenne, 5 voll., Lettres modernes, Paris.

– Jung, C. G. (1979), Psicologia e poesia, Boringhieri, Torino.

– Kaiser, G. (1998), Faust o il destino della modernità, Guerini & Associati, Milano.

– Moretti, F. (1994), Opere mondo. Saggio sulla forma epica dal Faust a Cent’anni di solitudine, Einaudi, Torino.

– Nietzsche, F. (19762), La nascita della tragedia. Considerazioni inattuali, I-III, versioni di S. Giametta e Mazzino Montinari, in Opere di Friedrich Nietzsche, ed. italiana diretta da G. Colli e M. Montinari, vol. III, tomo I, Adelphi, Milano.

– Postman, N. (1990), Informing Ourselves to Death, conferenza tenuta al meeting della German Informatics Society l’11 ottobre 1990 a Stuttgart, http://www.mat.upm.es/~jcm/postman-informing.html (ultima consultazione 10.09.2012).

– Schwerte H. (1962), Faust und das Faustische. Ein Kapitel deutscher Ideologie, Klett, Stuttgart.

– Smeed, J. W. (1975), Faust in Literature, Oxford University Press, London, New York, Toronto.

– Spengler, O. (1957), Il tramonto dell’Occidente. Lineamenti di una morfologia della Storia mondiale, traduzione di J. Evola, Longanesi, Milano.

[Imamgine: Aleksandr Sokurov, Faust (gm)].

 

1 thought on “Il mito di Faust dalla tradizione orale al post-pop

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.